Moana: "anche se è stata dura, è stata la decisione migliore della mia vita"

0

Pubblichiamo l'ultimo ritratto di uno studente di Saint-Martin che ha lasciato l'isola per studiare.

• Conome : Moana

• Età: 30 anni

• Studia : Laurea in musica   

• Residenza: Los Angeles

• Ambizione professionale: Musicista

 

   Qual è il tuo background?

Ho superato il Baccalaureate S nel 2007, poi ho finito il Bachelor of Music al Berklee College of Music di Boston nel 2011. Da lì mi sono trasferito a Los Angeles. Da allora, ho insegnato, cantante in studio e cantautore. Vado anche regolarmente su contratti o tour in tutto il mondo.

   Come hai preso la decisione di lasciare Saint-Martin per studiare?

Berklee è la scuola di musica moderna più rinomata al mondo. Inoltre, il mio insegnante di pianoforte di Saint-Martin (Paul Emmanuel) ha studiato lì e mi ha incoraggiato molto. Ho seguito un programma estivo dopo il liceo per vedere come mi sentivo. La scuola, gli insegnanti, il networking e la città mi hanno convinto.

   Quando hai lasciato Saint-Martin, come ti sentivi?

È stata dura, onestamente. Sapevo che questa scuola era piena dei musicisti più talentuosi del mondo e temevo di non essere all'altezza. I miei genitori e nonni avevano raccolto abbastanza soldi per pagare solo il primo anno, quindi ero preoccupato anche per le difficoltà finanziarie. Oltre a ciò, all'epoca avevo una relazione e l'idea di una relazione a distanza mi terrorizzava. E poi, neanche la barriera linguistica era rassicurante: il mio inglese Saint-Martin non era ancora all'altezza del compito di comprendere termini tecnici, legali, ecc. Non sapevo come andassero le cose negli USA: tra trovare un appartamento, aprire un conto in banca o una linea telefonica… E non avendo mai visto la neve, avevo davvero paura di non riuscire a sopravvivere al clima.

   Hai riscontrato difficoltà? In tal caso, quali e come li hai superati?

Sono arrivato a gennaio, quindi in pieno inverno. Mio padre è venuto con me per sistemarmi. Ricordo di avergli detto che non vedevo come mi sarei adattato un giorno alla neve e che non potevo sopportare questo freddo. Poi il problema era capire come funzionavano le cose fuori dalla scuola: avevo pochi giorni per rimettere tutto a posto e non capivo assolutamente nulla della cauzione del mio appartamento, del mio contratto telefonico, della mia assicurazione sanitaria, eccetera. Una volta iniziate le lezioni avevo un complesso di inferiorità, quindi passavo notti insonni a studiare. E poi, poiché la mia situazione finanziaria era precaria, ho accettato un lavoro nel campus, poi uno stage, contemporaneamente alle lezioni, quindi non ho avuto molto tempo libero.

   Da quando te ne sei andato, qual è il tuo ricordo più caro?

Anche se è stata dura, è stata la decisione migliore della mia vita. Il lavoro da studente mi ha insegnato molte cose che poi potevo inserire nel mio CV. E ho trovato borse di studio, così ho potuto finire i miei sette semestri e laurearmi. Ho incontrato persone da tutto il mondo che sono tanto interessanti quanto talentuose. Ora trovo contratti ovunque sulla mappa del mondo e c'è sempre qualcuno che conosco lì! Il mio ricordo preferito è piuttosto generico, ma è il poter viaggiare facendo ciò che amo.

   Che consiglio daresti ai diplomati di Saint-Martin che sono riluttanti a partire?

Più hai paura di qualcosa, più imparerai dall'esperienza che ne deriva. Saint-Martin è una piccola parte del mondo e lo apprezzerai ancora di più quando vedrai come funzionano le cose altrove. Non è mai troppo tardi per tornare se non ti piace. Non esitare a contattare le persone in loco o nella scuola che ti interessano per raccontare loro la loro esperienza.

(Soualigapost.com)

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti