Patto di solidarietà: 2225 persone sono state sostenute al culmine della crisi di Covid-19

0

Questo sistema sociale, istituito dalla Collettività il 30 marzo, a causa del parto, è stato indirizzato agli studenti in difficoltà, ma più in generale riguardava le persone in situazioni di vulnerabilità: anziani, disabili, famiglie in difficoltà o persone isolate.

Il sistema di aiuti alimentari di emergenza, condotto dalla delegazione Solidarité et Familles, presieduto da Annick Pétrus, consisteva nel consegnare quotidianamente a casa, da un lato, pasti caldi preparati dal CTOS, ma anche cestini alimentari preparati con il Croce Rossa.  Riguardava anche il trasporto di articoli per la casa da parte delle associazioni partner Sandy Ground On the Move e Cobraced.

Il sistema si è concluso il 31 maggio e abbiamo appena stabilito il bilancio di questo aiuto sociale eccezionale e senza precedenti introdotto dalla Collettività:

-  2225 beneficiari sono stati sostenuti al culmine della crisi di Covid-19.

- Tra il 3 aprile e il 31 maggio 2020, la Collettività di Saint-Martin ha distribuito 1841 panieri alimentari per un importo totale di 32 € sostenuti dalla Collettività

- Tra il 3 aprile e il 31 maggio, CTOS ha distribuito 4800 pasti a domicilio per un importo di 14 euro. Il costo complessivo dell'operazione per CTOS ammonta a 000 euro.

- Si è inoltre mobilitata la Protezione Maternelle Infantile con il proseguimento delle consultazioni e del follow-up dei bambini di assistenza sociale ai minori e l'organizzazione di strutture di accoglienza per accogliere i bambini piccoli del personale infermieristico mobilitato durante la crisi .

Grazie a questo slancio collettivo e alla catena di solidarietà istituita con i suoi partner, la Collettività è stata in grado di venire in aiuto di molte famiglie.

L'opportunità di ringraziare calorosamente le organizzazioni e le associazioni partner: la Croce Rossa, il Manteau de Saint-Martin, i consigli e le associazioni distrettuali che hanno aiutato a identificare le persone in difficoltà, ma hanno anche eletto funzionari e agenti del Community e CTOS che si sono mobilitati per dare vita a questi sistemi sociali.

"Il patto di solidarietà è finito, ma non c'è dubbio di abbandonare queste famiglie al loro destino", ha dichiarato Daniel Gibbs.

La Collettività continuerà il monitoraggio sociale delle persone in grande difficoltà identificate durante la crisi COVID19, e il supporto può essere offerto loro come una continuazione dei sistemi in vigore.

 3,268 visualizzazioni totali, 3 visualizzazioni oggi

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: