SOCIETÀ: Gli infermieri liberali si organizzano in un sindacato 

0

All'inizio di giugno, il Collettivo degli infermieri liberali ha espresso la propria insoddisfazione per la firma da parte del Fondo Generale di Previdenza Sociale (CGSS) della Guadalupa, il 13 maggio, di un accordo con i sindacati infermieristici. Accordo che faceva parte di una convenzione nazionale.  

Questa decisione risale a una circolare ottenuta nel 2015 che consentiva agli infermieri liberali di Saint-Martin di addebitare € 3,15 per qualsiasi viaggio di oltre 2,5 km. Il Collettivo Saint-Martin ha anche denunciato l'assenza di un rappresentante di Saint-Martin al momento della firma perché non esisteva un organo sindacale di Saint-Martin. Tuttavia, il CGSS è autorizzato a negoziare solo con i sindacati. 

Dal 12 luglio, i membri del Collettivo hanno quindi creato un'unione, l'Unione territoriale di Saint-Martin degli infermieri liberali (UTSIIL). "Siamo ancora in combattimento", indica Malory Bordas, presidente dell'UTSIIL. "Abbiamo quindi creato il nostro sindacato infermieristico locale per continuare i nostri sforzi per mantenere l'accordo del 2015. Per il momento, non abbiamo feedback ufficiali dal CGSS Guadalupa". Senza progresso, UTSIIL evoca anche la possibilità di andare in tribunale. “Siamo 37 iscritti al sindacato su 52 praticanti”. 

Riusciranno a far valere le loro pretese? “Deve essere un sindacato affiliato ad un sindacato rappresentativo a livello nazionale”, risponde il CGSS. Per il momento UTSIIL non è affiliata ma ha contattato il sindacato Convergence. 

L'accordo del 13 maggio era stato “preso a seguito di una decisione del tribunale amministrativo che ha annullato la circolare del 2015”, ha indicato il CGSS. “Professionisti della Guadalupa avevano portato il caso in tribunale”. Considerando che c'è stata una violazione dell'uguaglianza tra i due territori poiché i Guadalupi non avevano accesso ai sistemi di fatturazione dei viaggi, il CGSS “ha approfittato dei negoziati nazionali per rimettere le cose a posto”. All'epoca, il Collettivo spiegò che questa decisione “rappresenta una grande carenza. Ad esempio per un esame del sangue, viaggio escluso, in tasca ci restano solo 4,40 euro”._pc

 566 visualizzazioni totali, 6 visualizzazioni oggi

Fonte :

Informazioni fax: https://www.faxinfo.fr/

Nessun commento

Faxinfo declina ogni responsabilità per il contenuto pubblicato e non intende rispondere.

English EN French FR Spanish ES Dutch NL Italian IT