Riapertura delle scuole: lavaggio delle mani ripetuto, maschera obbligatoria o consigliata, mensa, rientranza sfalsata, giochi vietati… Quali regole verranno applicate nelle scuole?

0

Il ministero dell'Istruzione nazionale ha reso pubblico domenica il protocollo sanitario da rispettare nelle scuole che riapriranno dall'11 maggio.

Prima di andare a scuola

Ai genitori viene chiesto di misurare la temperatura del proprio bambino. In caso di sintomi o febbre (37,8 ° C o più) il bambino non dovrebbe andare a scuola. Il personale procede allo stesso modo.

L'arrivo e la partenza dalla scuola possono essere ripartiti nel tempo. Nelle scuole, l'obiettivo è quello di "limitare gli incroci tra alunni di classi diverse o di livelli diversi".

Nelle aule, un metro di distanza tra i tavoli

Le aule devono essere organizzate in modo da rispettare una distanza di almeno un metro tra i tavoli e tra i tavoli e la cattedra (circa 4m² per studente, ad eccezione di quelli posti contro un muro, un finestra, biblioteca, ecc.)

"Ad esempio, una stanza di 50 m² dovrebbe ospitare 16 persone".

Questo principio deve poter essere applicato in tutti i contesti e spazi (arrivo e dintorni della scuola, ricreazione, corridoi, cortile, ristorazione scolastica, servizi igienici, ecc.).

Nella seconda fase, si raccomanda di favorire lo spostamento degli insegnanti piuttosto che quello degli studenti e quindi di assegnare una stanza a una classe.

Una pulizia “approfondita” dei locali

I locali devono essere ventilati frequentemente e durare almeno 10 minuti ogni volta.

Se i locali non sono stati visitati negli ultimi 5 giorni, è sufficiente il normale protocollo di pulizia.

Se i locali sono stati frequentati negli ultimi 5 giorni, anche parzialmente, in via precauzionale, la normale pulizia e disinfezione deve avvenire secondo un protocollo di “pulizia accurata”.

Scambi manuali di palloncini, giocattoli, matite, ecc. deve essere “evitato o accompagnato da procedure di disinfezione dopo ogni utilizzo”.

Maschera per insegnanti, non per studenti dell'asilo

Per il personale, le autorità sanitarie raccomandano di indossare una maschera antiproiettile, chiamata anche maschera "per il pubblico generico". Il Ministero dell'Istruzione metterà a disposizione dei propri agenti a diretto contatto con gli studenti due maschere al giorno.

Indossare una maschera è “obbligatorio in tutte le situazioni in cui le regole di distanziamento potrebbero non essere rispettate”. È "consigliato" in tutte le altre situazioni.

Per gli alunni della scuola materna, è "da evitare". Per chi frequenta le scuole elementari è sconsigliato ma i bambini possono indossarlo, se lo desiderano e se possono indossarlo senza rischio di abuso.

In secondo grado, indossare una maschera è “obbligatorio in tutte le situazioni in cui il rispetto delle regole di allontanamento non può essere rispettato”.

Quando saranno facilmente accessibili a tutta la popolazione, i genitori dovranno equipaggiare i propri figli. Nel frattempo, il Ministero della Pubblica Istruzione li fornirà alle scuole medie e superiori.

Gesti della barriera e lavaggio delle mani

I gesti barriera devono essere applicati “in modo permanente, ovunque e da tutti”.

Il lavaggio delle mani con acqua e sapone deve essere effettuato “almeno all'arrivo a scuola, prima del rientro in classe, soprattutto dopo la ricreazione, prima e dopo ogni pasto, prima di andare in bagno e dopo essere andati lì, dopo essersi soffiati il ​​naso, aver tossito, starnutito, la sera prima di tornare a casa e all'arrivo a casa ”.

Altrimenti, può essere preso in considerazione l'uso di una soluzione idroalcolica.

Ricreazioni in scena e senza palla

Devono essere organizzati in gruppi di classe, tenendo conto delle raccomandazioni relative ai gesti di distanza e di barriera.

Questo per evitare l'intersezione di classi e studenti, scaglionando i tempi di ricreazione, evitando raggruppamenti di diversi livelli, riducendo i tempi di pausa in base al numero di studenti, ecc.

Devono essere vietati i giochi di contatto e con la palla, come “tutto ciò che comporta lo scambio di oggetti”, così come le strutture di gioco le cui superfici di contatto non possono essere disinfettate.

In caso di difficoltà organizzative, la pausa “può essere sostituita da una pausa in classe a fine corso”.

La partecipazione è limitata al WC

Il numero di persone presenti deve essere limitato per rispettare la distanza fisica.

Gli orinatoi utilizzati devono essere distanti almeno 1 metro.

I servizi igienici devono essere in grado di consentire agli studenti e al personale di lavarsi le mani in ogni momento.

La mensa possibile in classe

Nel caso della ristorazione in mensa o refettorio, l'organizzazione del tempo e dell'accesso deve consentire il più possibile di limitare le code e l'attraversamento di gruppi di studenti nei corridoi.

Se la ristorazione non è possibile nei luoghi abituali, si può fare “in aula sotto la supervisione di un adulto e sotto forma di vassoi o pranzi al sacco, nel rispetto delle norme igieniche”.

 

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti