Bromati nell'acqua del rubinetto: lancio di una petizione

0

Il collettivo per l'acqua potabile di Saint-Martin ha lanciato una petizione e ha invitato a firmarla per indirizzarla al presidente della Comunità, Daniel Gibbs.

Dai campioni del 12 maggio, gli abitanti di Saint-Martin non hanno più acqua potabile al rubinetto. L'hanno saputo solo a giugno 2019 e l'ordine prefettizio che proibiva il consumo di acqua di rubinetto è intervenuto solo il 21 giugno 2019. Di conseguenza, gli abitanti di Saint-Martin si tuffano di nuovo nel post-Irma, un periodo in cui tutto era accettabile a causa di un evento climatico estremo che metteva in prospettiva le responsabilità di tutti.

Due anni dopo Irma, la popolazione non può più accettare tutto. È dovere dell'autorità locale obbligare il suo delegato a fornire acqua potabile.

Poiché quest'acqua non è più potabile, la popolazione di Saint-Martin richiede semplicemente una sospensione immediata delle bollette dell'acqua del delegato SAUR e un rimborso retroattivo delle bollette dal decreto prefettizio del 21 giugno scorso. Quindi, dovrebbe essere organizzata una tavola rotonda sulla questione del risarcimento con SAUR e i rappresentanti del Collettivo al fine di definire le modalità esatte.

Secondo la giurisprudenza, è stato stabilito che il delegato ha rimborsato l'equivalente di 2 litri di acqua in bottiglia al giorno e per persona. Il delegato del SAUR può nuovamente fatturare la sua distribuzione di acqua quando viene rispettata la concentrazione massima autorizzata nell'acqua destinata al consumo umano (10 mg / m3) (vedere il decreto normativo dell'11 gennaio 2007 modificato).

Divertirsi con disprezzo per questa situazione di richiesta di risarcimento non è un impegno di saggezza politica, mentre ognuno si assume le proprie responsabilità! Ogni firmatario deve indicare il proprio NOME, PRIMO NOME, DISTRETTO di residenza o il quartiere che visita durante il soggiorno sull'isola e il NUMERO DI PERSONE nella famiglia.

A Saint-Martin, come a Saint-Barthélemy, l'autorità locale ha istituito una delegazione di servizio pubblico (DSP) per gestire la produzione e la distribuzione di acqua al fine di risolvere il suo deficit strutturale. A Saint-Martin, come a Saint-Barthélemy, il delegato è SAUR. A Saint-Martin, SAUR ha recentemente sostituito il GDE (Générale des Eaux) che desiderava recedere dal contratto. Non conosciamo la compensazione finanziaria per l'accettazione di questa violazione da parte del Consiglio Territoriale, perché quando un contratto viene infranto, vi è una compensazione finanziaria per l'altro contraente.

Appena arrivato, SAUR si trova ad affrontare l'inquinamento dell'acqua che distribuisce. Nulla prova oggi che l'acqua fosse già stata inquinata prima del suo arrivo ed è inoltre improbabile che l'acqua non sia stata ritirata e studiata dal nuovo delegato prima della firma del suo contratto. La sua responsabilità è quindi pienamente impegnata, perché tutto ci porta a credere che sia la gestione dell'ozonizzazione delle acque desalinizzate che è all'origine di questo recente inquinamento.

Soprattutto, il delegato SAUR è contrattualmente tenuto a fornire acqua conforme agli standard normativi per la qualità sanitaria dell'acqua potabile. Il contratto di abbonamento crea diritti e obblighi reciproci tra le due parti contraenti: il distributore di acqua deve fornire acqua potabile e, in cambio, riceve i proventi finanziari dagli abbonamenti. Pertanto, il delegato SAUR Saint-Martin non adempie agli obblighi contrattuali nei confronti dei suoi abbonati e in generale dei consumatori di acqua. Il mancato rispetto dell'obbligo di erogare acqua potabile comporta responsabilità contrattuali. Tuttavia, questo contratto impedisce anche a SAUR di lasciare la nave senza risolvere il problema di non potabilità che ha contribuito a creare.

Il Collective ricorda che gli attuali livelli di bromato sono fino a dieci volte superiori agli standard normativi. Pertanto, gli articoli L. 1321-1 e R. 1321-2 del Codice di sanità pubblica non sono rispettati dal delegato. La distribuzione di acqua potabile dall'impianto di dissalazione, prevista dal 1 ° agosto 2019, è un'azione encomiabile ma non corrisponde al contratto del delegato.

I cittadini pagano per distribuire l'acqua potabile, non per recuperarla da soli nel centro di produzione. La mancata fornitura di acqua potabile deve comportare una compensazione compensativa.

Pertanto, una ventina di tribunali distrettuali e di appello hanno già condannato delegati o consigli municipali per compensare i consumatori. La richiesta di appello alla sentenza di primo grado da parte del delegato o del sistema di gestione porta sistematicamente a un'amplificazione della sentenza pronunciata con ulteriori danni per i consumatori. Nella Francia continentale, la compensazione riguarda principalmente la non potabilità a causa degli alti livelli di nitrati o pesticidi, ma la Corte di cassazione di recente (2017) ha condannato un'agenzia intercomunale a risarcire i consumatori di acqua inquinata con bromati.

Questa giurisprudenza dovrebbe spingerci ad andare in tribunale ora.

Ma il Collettivo non vuole essere bellicoso, chiede semplicemente al SAUR di interrompere la fatturazione fino a quando un nuovo decreto prefetturale non autorizzi ancora una volta il consumo dell'acqua distribuita. Inoltre, il Collective ricorda che la legge di Brottes del 15 aprile 2013 ha introdotto il divieto per qualsiasi distributore di interrompere l'approvvigionamento idrico in una residenza principale, anche in caso di mancato pagamento, e questo per tutto l'anno . Questa disposizione è stata convalidata dal Consiglio costituzionale nel 2015.

Il Collettivo non vuole incoraggiare la popolazione a non pagare le proprie fatture, chiede a SAUR di interrompere la fatturazione e il rimborso dal 21 giugno 2019, prima che un incontro di valutazione del risarcimento sia organizzato. D'altra parte, il Collettivo ricorda a SAUR il divieto di tagliare l'acqua ai suoi abbonati. Se il Collettivo non viene ascoltato con questa petizione che sarà consegnata al Presidente del Consiglio Territoriale in modo che lo trasmetta alla direzione del SAUR, il Collettivo avvierà un procedimento di risarcimento legale, con la creazione di un conto notarile in deposito a garanzia e un arresto completo per fatturare i pagamenti.

Il Collettivo per l'acqua potabile a Saint-Martin

Trova la petizione online fino al 21 agosto sulla pagina Facebook: Collettivo per l'acqua potabile a Saint-Martin

https://www.change.org/p/p%C3%A9tition-pour-un-retour-%C3%A0-l-eau-potable-%C3%A0-saint-martin?utm_content=cl_sharecopy_16912700_fr-FR%3Av2&recruiter=389903336&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink&utm_campaign=share_petition&utm_term=share_petition

 

>> Il Collettivo per l'acqua potabile di St Martin ha richiesto un appuntamento con Madame Sylvie Danielo-Feucher Prefetto di San Martino, questo Venerdì 2 agosto. Per rispondere alle richieste riguardanti l'attuale fatturazione di Saur, la distribuzione dell'acqua in bottiglia e il suo costo… Questi temi e altri saranno al centro di questo incontro.

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

CALCIO / Tutti sul ponte!

La Saint-Martin Cup continua questo fine settimana, in particolare per gli anziani, la partita tra FC Concordia e attaccanti. Le categorie di giovani sono ...