Rifiuto del Tribunale amministrativo per il risarcimento delle accuse: la Collettività si appellerà a questa decisione!

0

Il tribunale amministrativo ha notificato la sua decisione alla Collettività di Saint-Martin, martedì 10 marzo 2020 (decisione n. 1700095 del 9 marzo 2020), informandola che la sua richiesta sul giusto risarcimento delle spese inerenti durante il trasferimento di competenze al La comunità nel 2007 è stata respinta per i seguenti motivi: il decreto interministeriale del 22 aprile 2011 è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il 4 maggio 2011, questo decreto (sebbene produca effetti ogni anno), è diventato definitivo per il tribunale , in tutte le sue disposizioni, anche quando fissa l'importo dell'indennità per la compensazione sociale. 

Per respingere la richiesta della Collettività, il tribunale ritiene che quest'ultimo non dimostri la colpa dello Stato e più precisamente l'intenzione fraudolenta. La Collettività desidera conservare due punti essenziali qui:

- Non è contestato che la richiesta del Collettivo poggi su una base seria.

- Ogni anno, la Collectivité subisce un danno considerevole che non è contestato: in termini di risarcimento sociale viene corrisposto un contributo annuo di 652 euro!

- Per corrispondere alla spesa effettiva della Collettività nel 2006, come calcolata dall'articolo D 6371-1 della CGCT, si dovrebbe aggiungere un importo di 7 euro, ogni anno dal 914.

Pertanto, la Collettività richiede la revisione del metodo di calcolo dell'allocazione per il futuro, poiché non è giusto che questi errori di calcolo siano indefiniti. Ha osservato che la corte non ha risposto su questo punto. La Collettività richiede anche il rimborso delle somme dovute ad essa. È un reclamo legittimo del Collettivo.

Come affermato dal maestro Benjamin, che difende la Collettività in questo fascicolo, “secondo la corte non abbiamo dimostrato la volontà deliberata dello Stato di ingannare la Collettività! Ma il danno è irreparabile per la Comunità se il metodo di calcolo non viene modificato! Le legittime aspettative del Collettivo sono state ingannate perché in realtà nessuna verifica o controllo è stato all'altezza della sfida, in particolare in materia di addebito trasferito al Collettivo per un risarcimento in materia sociale! Nessuno pensava che avrebbero potuto o dovuto mettere in discussione l'esperienza che era stata utilizzata da quando lo stato ha arbitrato il procedimento! ".

I testi sono chiari: "qualsiasi aumento netto degli oneri è accompagnato dal concomitante trasferimento delle risorse necessarie al normale esercizio di tali poteri" (articolo LO 6371-4 della CGCT). Questi principi non sono rispettati.

Era stata creata una commissione ad hoc per valutare la somma delle dotazioni di cui avrebbe beneficiato la Collettività, ma nessuno dei membri di questa commissione garantiva l'affidabilità dei dati forniti alla collettività Saint-Martin; Tuttavia, lo Stato rappresentato dal Prefetto e dalla Camera dei conti territoriali, un membro della quale presiedeva la commissione, aveva accesso a tutti i conti ea tutti i dati del dipartimento della Guadalupa, il che non era il caso del comunità di Saint-Martin che non aveva esperienza nella gestione dell'assistenza sociale (non avendo mai assunto tale competenza!), e al cui esperto da essa nominato è stato rifiutato l'accesso alla contabilità del dipartimento . Pertanto, la Collettività di Saint-Martin non ha mai avuto dati statistici, perché questi dati erano confusi sulla scala della Guadalupa nel suo complesso.

In quanto garante del commercio equo, lo Stato aveva comunque il dovere di effettuare tali verifiche.

È quindi solo nel 2017, dopo la pubblicazione del rapporto della Camera dei conti territoriale sulla gestione della comunità di Saint-Martin per il periodo 2007-2016 che il presidente della Comunità, Daniel Gibbs, ha scoperto queste difficoltà. Questo rapporto ha rivelato l'errore grave commesso al momento della valutazione delle dotazioni.

L'intenzione dello Stato è ovvia: non arbitrerà tra le due comunità gemelle (Saint-Martin e Guadalupa). Non è stata effettuata alcuna verifica e non vengono utilizzate statistiche per calcolare l'allocazione; la collettività di Saint-Martin è stata sacrificata perché la condivisione dei dati non è stata organizzata ... È stata quindi una scelta strategica che ha portato all'inganno di Saint-Martinis.

Al di là di questa ovvia strategia istituzionale, un intero territorio è stato penalizzato e il futuro di Saint-Martinois è stato ipotecato. L'impatto sull'azione pubblica è davvero notevole.

Una giusta valutazione finanziaria del trasferimento di competenze avrebbe aperto a Saint-Martin un futuro tutto nuovo dandogli le somme realmente necessarie per l'insediamento della nuova COM con l'ascesa dell'istituzione territoriale e delle sue politiche pubbliche al servizio di interesse generale. Il danno è quindi immenso! Il principio di uguaglianza davanti alle cariche pubbliche non è rispettato! La COM lo dimostrerà!

Questo è il motivo per cui la Collettività di Saint-Martin continuerà la sua azione legale per conto di Saint-Martinois e farà appello a questa decisione per dimostrare la frode dei diritti, che gli sono comunque garantiti dalla costituzione francese.

 6,133 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: