Ricostruzione post-Irma (1/2): il presidente Gibbs fa il punto della situazione due anni dopo il ciclone

0

Venerdì scorso, il presidente Daniel Gibbs ha organizzato una conferenza stampa durante la quale ha realizzato "un rapporto sullo stato di avanzamento" della ricostruzione post-Irma. Alla presenza di funzionari eletti del Consiglio Territoriale, Daniel Gibbs ha parlato dei progressi nella ricostruzione di Saint-Martin e degli sforzi della Collettività, nonché di tutti i residenti di Saint-Martin.

All'inizio, il Presidente aveva "un sincero pensiero di compassione e solidarietà per i nostri vicini caraibici nell'arcipelago delle Bahamas". Due anni al giorno, dopo le devastazioni di Irma, Daniel Gibbs "rifiuta questa visione" revisionista ", che da un anno tende a diffondersi tra i nostri cosiddetti partner. Secondo alcuni funzionari "Irma non esiste", e il ciclone sarebbe stato solo il rivelatore dei nostri difetti! È falso, sprezzante e doloroso ”. Il presidente prosegue affermando che Saint-Martin non deve "sfuggire al radar" delle priorità della Francia e dell'Unione europea ".

E per ricordare che "abbiamo subito la distruzione di oltre 2,2 miliardi di euro, per un PIL stimato di 600 milioni". Il danno che, per il Presidente, è "invisibile nei conti nazionali (...) Come se non esistessimo! Come se fossimo cancellati dalla mappa! " Mentre Saint-Martin è in prima linea in Francia contro il mondo americano, caraibico e anglosassone, “abbiamo l'impressione di essere puniti per quello che siamo; un piccolo territorio grande la metà di Parigi, cosmopolita, di lingua inglese e misto, privo di nichel e industria spaziale (...) Un territorio rispettoso delle istituzioni della Repubblica, ancora riluttante ad alzare il pugno, brandire la minaccia del caos e distillare il mito della salvezza dell'indipendenza! "

L'episodio della PPRN ha suscitato "le tensioni sociali sottostanti", assicura Daniel Gibbs, "un uragano sociale ci minaccia tutti. Se la voce del popolo e dei suoi rappresentanti rimane disprezzata, allora noi, la Collettività, lo Stato, i funzionari eletti, i funzionari pubblici, i socio-professionisti, rischiamo di essere tutti perdenti ”.

La ricostruzione del territorio è una priorità per il Com, che quest'anno ha previsto di investire 120 milioni di euro in attrezzature strutturali. Prima di affrontare il tema dei progetti di ricostruzione delle infrastrutture pubbliche che sono stati avviati dall'inizio dell'anno, nonché i progetti che sono stati avviati o che inizieranno. Se non tutto è perfetto, il Presidente assicura che non lascerà che si dica "che lo Stato sostituisce i fallimenti della Collettività in termini di urbanistica (...) Chiedo uno Stato a consigliare e non uno stato che è solo accusatorio ”. Pur affermando che la Collettività è ancora in attesa del rilascio, da parte dello Stato, "della totalità dei 6 milioni di euro di crediti previsti per la riabilitazione degli alloggi sociali"._RM

(continua nella nostra edizione domani)

 5,660 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: