Prima edizione di Handynamic: scommessa vinta!

0

Sabato scorso è stata organizzata allo stadio Vanterpool una giornata di sport per disabili dove una cinquantina di bambini a mobilità ridotta hanno potuto scoprire diversi sport. Ritorno su questo grande momento di felicità dei partecipanti e dei relatori. 

Ricordiamo che "Handynamic" è un progetto interassociativo guidato dalla Saint Martin Football League (LFSM) e finanziato dalla Delegazione accademica regionale per la gioventù, l'impegno e lo sport (DRAJES), Motorworld, la Prefettura di Saint-Barthélemy e Saint -Martin e l'Union Sportive de l'Enseignement Primaire (USEP) il cui obiettivo è fornire l'accesso alle attività sportive per bambini (anche adulti) con disabilità, facilitando al contempo le interazioni con altri giovani normodotati. La notevole carenza di strutture adatte alle persone a mobilità ridotta sul territorio purtroppo non è più da provare. Un'iniziativa del genere va quindi congratulata, soprattutto perché molte associazioni hanno risposto all'appello di Aristide Conner, presidente della LFSM, quando ha presentato loro il progetto "Handdynamic". In collaborazione con le associazioni Tournesol e Cobraced, SESSAD e USEP, 50 bambini hanno preso d'assalto le sale dello stadio costellate di tribune sportive. Vestiti con una maglietta bianca "Handynamic" (il rosso essendo riservato alle squadre organizzatrici), i giovani hanno l'imbarazzo della scelta: il calcio (futsal – LFSM) che si è svolto in fondo alle sale, si improvvisa anche una partita con una squadra di giovani calciatori di Saint Barth; la boxe, con un ring gonfiabile i cui laboratori sono stati supervisionati da un facilitatore ABC Intersports; basket (Backayard) dove il terreno all'ingresso non è stato vuoto. I "videogiochi" che sviluppano anche gli altri sensi sono stati rappresentati, grazie a un casco per realtà virtuale e controller, i bambini inscatolati al vento come se fossero ancora sul ring reale. Nota altre strutture tecniche come una porta da calcio per perfezionare i rigori o trampolini per vedere il mondo ancora più in alto. A proposito di altezza, una zip line tirata tra le tribune e l'altro lato dello stadio è stata l'attrazione a sorpresa di questa giornata di sport per disabili, i bambini con disabilità si sono spinti per vivere questa esperienza unica. Più di dieci bambini a mobilità ridotta o normodotati si sono presentati indipendentemente da quelli iscritti tramite le associazioni. Negli sport acquatici, nel surf sull'erba (Windy Reef) e nella navigazione con Wind Adventures. Altre attività nautiche saranno omaggiate durante la seconda edizione di Handynamic organizzata il 14 maggio da Métimer e già molto attese da tutti i bambini la cui gioia era palpabile. _Vx

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti