Pascal Drampe, lo sbirro che posò la pistola per prendere la penna

0

L'ex capo del PAF a Saint-Martin, ha appena pubblicato il suo primo libro, "Cop, una professione che uccide" in cui racconta alcuni dei suoi interventi sul campo e racconta dietro le quinte della professione. 

"Ho sentito il bisogno di comunicare sulla mia professione che è troppo spesso criticata, così come dietro le quinte per il lettore di avere un'idea più giusta", dice. Originario di un modesto passato nel nord della Francia, Pascal Drampe entrò nella "Grande Maison" come la chiamava nel giugno 1986 alla periferia di Parigi, 21 anni, come tirocinante per il mantenimento della pace. "Finito, sarei stato finalmente in grado di lavorare per la giustizia sociale, non in modo utopico ma piuttosto pragmatico", ha scritto. 

"Cop, una professione che uccide", 300 pagine, è disponibile nelle edizioni Nestor. Una sessione di firma sarà organizzata il 4 maggio a Saint-Martin. Altre sei case editrici a Parigi e Lione avevano conservato il manoscritto, ma alla fine Pascal Drampe scelse Willy Nestor: "Rispetto al mio viaggio all'estero e soprattutto in Guadalupa, ho sentito il dovere di affidare il mio lavoro a Willy Nestor di cui devi sospettare che l'accoglienza della Guadalupa dipendesse da quello che so. ”

(Maggiori dettagli su www.soualigapost.com)

Caricamento in corso

Non ci sono commenti