Lettera aperta: diverse compagnie aeree chiedono al governo di riaprire l'aeroporto di Orly a fine giugno

0

Diverse compagnie aeree con sede a Orly (tra cui Air Caraïbes, ape francese e Corsair) sfidano il governo per una riapertura responsabile, organizzata e motivata dell'aeroporto di Orly a fine giugno. Le società propongono una scadenza molto prudente che consentirà loro di gestire al meglio le informazioni dovute ai propri clienti e il buon svolgimento delle loro operazioni.

“Siamo società con sede a Orly, firmatarie di questa lettera, di cui una parte significativa dell'operazione, se non completata, viene svolta all'aeroporto di Orly. Impieghiamo lì il nostro personale, ma anche quello dei nostri partner di subfornitura nei settori dell'assistenza a terra, della ristorazione e della manutenzione e tutte le attività correlate.

La crisi del Coronavirus ci ha già colpito duramente, la maggior parte di noi ha semplicemente smesso di lavorare dopo il decreto del 31 marzo. Ha colpito i nostri clienti ancora più gravemente.

Siamo anche cittadini imprenditori e comprendiamo appieno i motivi per cui le autorità sono state portate a prendere decisioni per contenere le popolazioni, con le pesanti conseguenze economiche, sociali e sociali che ciò comporta.

Oggi queste autorità stanno lavorando al "deconfinamento" dall'11 maggio, vale a dire la prossima settimana.

Più che le decisioni prese e gli schemi risultanti, è la disponibilità di informazioni più o meno affidabili, a volte persino contraddittorie, e l'incertezza dei vincoli operativi che ci impediscono, più di ogni altra cosa, di preparare i nostri piani. di risveglio commerciale e sociale, che il governo richiede comunque.

In questo contesto, durante una conference call tenuta con ADP sull'argomento di Orly, ci è stato detto che:

  • Le informazioni per la stampa, datate domenica 3 maggio, relative alla continua chiusura dell'aeroporto di Orly fino all'autunno del 2020 non erano né ufficiali né confermate,
  • Tuttavia, l'aeroporto rimarrebbe chiuso fino alla fine di giugno senza fornire una data precisa per la sua riapertura.
  • Nuove analisi della situazione sarebbero state fatte alla fine di maggio.

Questa situazione non è sostenibile, né per i nostri clienti, né per il nostro personale, né per la sopravvivenza delle nostre aziende.

In queste condizioni chiediamo la riapertura dell'aeroporto di Orly per venerdì 26 giugno. Riteniamo che ciò possa essere fatto: ➢ in modo misurato e responsabile,

➢ Consentendo a tutti di prendere accordi sincronizzati, a beneficio dei nostri clienti, in calma e serenità e non in disordine e fretta,

➢ Organizzando con pragmatismo l'attuazione delle misure sanitarie necessarie per tutti, che devono essere comunicate al più presto a tutti gli attori,

➢ Concordando ovviamente che questa data può essere messa in discussione, ad esempio a metà giugno in caso di ulteriore peggioramento della situazione sanitaria. La fine della crisi richiederà molto realismo: questo è ciò che chiediamo in questa lettera Presidenti firmatari di seguito ”.

Caraibi aeree: Marc Rochet Air Corsica : Luc Beréni Amelia : Alain Regourd Chalair : Alain Battisti Corsair: Pasquale de Izaguirre ape francese : Muriel Assouline l'Azienda : Cristiano Vernet Livello : Jean Francois Morin Transavia : Nathalie Stubler

Comunicazione indirizzata a:

Mr. JB Djebbari : Sottosegretario di Stato ai trasporti

Signor B Il Sindaco : Ministro dell'economia e delle finanze

Patrick Gandil : Direttore generale dell'aviazione civile:

 7,934 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: