Gastronomia: per la prima volta, Saint-Martin appare nella guida di Gault et Millau!

0

I gestori della guida gastronomica Gault et Millau erano a Saint-Martin lo scorso fine settimana per consegnare i premi ai ristoratori locali, ma anche per presentare la seconda edizione della famosa guida gialla. È al ristorante Creol'Garden di Marigot che Alain Warth, presidente della guida Gault e Millau per le Antille-Guyana, associato a Jean-Philippe Montel, spiega questa edizione che è stata presentata sabato sera.

Faxinfo: Come è nata l'idea di creare un'edizione per le Antille-Guyana?

Alain Warth: Poco più di due anni fa, abbiamo deciso di intraprendere questa avventura. Abbiamo fatto un lungo viaggio attraverso le Antille per 40 anni. Siamo intervenuti su molte cose come libri di cucina, associazioni di chef, concorsi e conferenze sugli chef. Siamo un po 'dei "collegamenti dei lavoratori" del sistema, ma spesso non ci vediamo perché siamo piuttosto discreti.

Faxinfo: Come funziona la valutazione dei ristoranti visitati?

Alain Warth: Non posso dirtelo (sorridi). Ma abbiamo una dozzina di investigatori misteriosi che attraversano le Antille, oltre a quelli della Francia continentale che a volte passano per controllare i punteggi assegnati se sono importanti. Abbiamo punteggi che vanno da 10 a 15 per le Antille, anche a 15,5 per alcune città. Ma quando arriviamo a queste note, portiamo sempre un ispettore internazionale da Parigi che viene a confermare la nota, in modo che non ci siano controversie sulla nostra visione della sua cucina.

 

Faxinfo: Cosa sta cercando la guida di Gault et Millau?

Alain Warth: Siamo sempre alla ricerca di giovani chef emergenti. Gault et Millau è noto soprattutto per la ricerca di chef in futuro. È un po 'del DNA della guida, rispetto alle altre grandi guide.

 

Faxinfo: la guida è disponibile anche su Internet ?

Alain Warth: Abbiamo la guida cartacea e siamo digitali, con un sito web. È qui che i nostri lettori e buongustai vengono a cercare informazioni. Siamo fortunati ad essere classificati tra i primi 10 siti più visitati della Francia continentale, con 360 visitatori al mese. Quindi, per il proprietario del ristorante, essere citato nella guida e avere il tuo piatto davanti al ristorante è enorme.

 

Faxinfo: Gault e Millau Antilles-Guyane sono importanti quest'anno?

Alain Warth: Per questo primo anno a Saint-Martin, abbiamo visitato una trentina di tavoli nella zona e ci sono 5 ristoranti premiati. Abbiamo 259 tavoli referenziati in questa edizione, il che significa che abbiamo visitato più di 400 tavoli nelle Indie Occidentali! Anche quest'anno, la guida è molto più importante dell'anno scorso, perché abbiamo portato a Santa Lucia. Abbiamo, ovviamente, le isole della Guadalupa, con Saintes e Marie-Galante, Martinica, Guyana, Saint-Barthélemy e Saint-Martin. Penso che il prossimo anno riporteremo indietro Dominica.

 

Faxinfo: Sint Maarten non è interessato?

Alain Warth: Per ora c'è solo un ristorante sul lato olandese, penso che torneranno l'anno prossimo, ma non dovrebbero essercene molti. I turisti americani e altri, che vengono a Sint Maarten, mangeranno nella parte francese. È la grande forza della strada principale di Grand-Case. Prima del ciclone, c'erano 400 tavoli a Saint-Martin, oggi ci sono circa 150 tavoli riaperti. Quindi, siamo su un buon tiro, poiché i buoni tavoli sono di nuovo attivi.

Intervista di RM

 8,223 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: