ISTRUZIONE: Prima pausa caffè dei genitori alla scuola di Elie Gibs

0

Al fine di rafforzare la cooperazione tra coloro che sono coinvolti nel sostegno alla genitorialità ei genitori degli alunni, lunedì 6 febbraio è stata organizzata una "pausa caffè per i genitori" presso la scuola elementare Elie Gibs di Grand-Case.

Lanciata da Maryse Jean-Baptiste, insegnante coordinatrice ULIS presso la scuola Elie Gibs, e sostenuta da Yannick Catanese, direttore della scuola, questa azione informativa ha fatto seguito ai risultati ottenuti durante un sondaggio tra i genitori di studenti con bisogni educativi speciali. L'obiettivo generale di questo periodo di scambi tra genitori e istituti specializzati, il cui tema era il successo degli alunni in difficoltà attraverso l'assistenza specializzata, è stato quello di effettuare una diagnosi con i genitori degli scolari per conoscere le loro percezioni sulla scolarizzazione degli alunni con bisogni educativi speciali, le loro opinioni e aspettative in termini di sostegno. I risultati dell'indagine condotta online dal 1° al 16 dicembre 2022 su un campione di 20 genitori di bambini dai 6 ai 7 anni sottolineano l'importanza di sensibilizzare i genitori a fronte della loro scarsa conoscenza dei sistemi messi in atto. Ai genitori sono state poste quattordici domande sul tipo di difficoltà incontrate dal bambino. Il 62,5% degli intervistati ha risposto alla lettura, il 18,8% all'espressione scritta o orale e il 6,3% alla comprensione del testo. Con una maggioranza di alunni affetti da disturbi dell'attenzione (50%), i disturbi della memoria e la dislessia occupano rispettivamente la seconda e la terza posizione con il 18,8%. Più della metà degli alunni non usufruisce di sostegno professionale (7 contro 9), il che coincide con il fatto che 9 intervistati su 15 non sanno cosa sia un piano di sostegno scolastico. Stessa osservazione per la conoscenza della funzione del logopedista, 9 genitori su 16 non conoscono questa professione che previene, individua e cura i disturbi della voce, della parola e del linguaggio nei bambini, ma anche negli adulti. Ad oggi, solo 5 logopedisti operano nella parte francese dell'isola mentre la domanda ne richiederebbe una decina. I risultati sono allarmanti anche per quanto riguarda la comprensione della psicomotricità che lavora su diversi disturbi come mancanza di coordinazione, difficoltà di localizzazione nello spazio, tic nervosi e goffaggine motorie. Lo psicomotrico permette di prendere coscienza del proprio corpo per controllarlo meglio grazie a giochi educativi e ludici: 13 genitori su 16 non ne conoscono l'utilità. Per quanto riguarda i dispositivi (AESH, RASED, ULIS, SESSAD, CMP), l'indagine rivela che la stragrande maggioranza dei genitori ha poco controllo su di essi. Questa prima pausa caffè alla scuola Elie Gibs ha permesso loro di scoprire, conoscere e incontrare i professionisti dell'infanzia che si nascondono dietro queste strutture di supporto: psicomotricista, logopedista, educatore specializzato, psicologo e mediatore scolastico, assistente sociale, ecc. La pausa caffè, aperta a tutti i genitori, indipendentemente dalla scuola di appartenenza, si è svolta in una vera convivialità all'insegna del benessere dei bambini. _Vx

 7,895 visualizzazioni totali

Fonte :

Informazioni fax: https://www.faxinfo.fr/

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: