Scarico di St Maarten / Tadzio Bervoets: "La situazione è diventata fuori controllo da quando Irma"!

0

Nativo dell'isola, Tadzio Bervoets, direttore della Sint Maarten Nature Foundation e vicepresidente della Dutch Caribbean Nature Alliance, interroga regolarmente il governo della parte olandese sulla discarica dove è sepolta tutta la spazzatura da Sint Maarten. Spera che la supervisione da parte della Banca mondiale dei fondi stanziati dai Paesi Bassi per la ricostruzione consentirà di rendere prioritario questo problema ambientale e sanitario. Colloquio.

 

Da quanto tempo esiste la discarica di Pond Island (Philipsburg)?

“La prima discarica si trovava vicino al sentiero che prendiamo per raggiungere le piscine naturali di Sint Maarten da Pointe Blanche. Dove vediamo ancora rottami metallici. A metà degli anni '70, quando creò la piccola isola sullo stagno salato (stagno del Grande Sale) per avere più terra, il governo del giorno decise di installare lì la discarica.

Ma poi l'isola ha vissuto un boom turistico. I funzionari eletti non pensavano che il luogo non fosse adatto: una zona umida, nel mezzo della capitale della parte olandese, e circondata da abitazioni. L'hanno installato lì, senza davvero pensare al problema che potrebbe diventare e che è successo. Sin dall'inizio, è stato gestito male. Inoltre, Sint Maarten non ha mai davvero eccelso nella gestione degli appalti pubblici, ecc. Gli interessi personali entrano sempre in gioco.

Poi nel 1995 c'era Luis. Tutti i detriti sull'isola sono atterrati nella discarica, aumentando l'altezza della collina artificiale. Abbiamo anche iniziato a chiamarlo Mont Luis ”.

Perché brucia costantemente?

"Da quel momento, anziché stabilire un piano realistico che avrebbe potuto portare a soluzioni, la discarica è stata lasciata lì. Molte volte, per anni, ci sono state discussioni su come spostarlo, sostituendolo con qualcos'altro. Ma non è mai stato fatto nulla.

I rifiuti sono diventati sempre più importanti, ma senza una gestione o uno smistamento efficaci.

Poiché tutto va nello stesso posto nella discarica, le reazioni chimiche causate dalla decomposizione di tutti i rifiuti causano la combustione interna.

Ciò che la gente non capisce è che la discarica sta ancora bruciando. I responsabili della sua gestione non lasciano scappare il metano e non fanno nulla per impedire questa combustione.

Quindi in un momento di aridità, o quando il vento si alza, o quando qualcuno fa qualcosa di stupido come saldare sopra la spazzatura, le fiamme si ingrandiscono dentro e la cima prende fuoco. Ecco perché negli ultimi quindici anni ci sono state grandi nuvole di fumo.

La situazione è diventata fuori controllo da quando Irma. Molti detriti sono stati portati in discarica. Quando è diventato problematico, li hanno spostati in una seconda discarica: la Baby Dump, dall'altra parte della strada. Il Baby Dump è affetto dagli stessi problemi: cattiva gestione, mancanza di smistamento ... quindi brucia anche. Inoltre, i pneumatici vengono stoccati vicino ai rifiuti. Quando il fumo è nero, di solito è perché anche le gomme stanno bruciando ” (seguito e fine dell'intervista nella nostra edizione di domani).

 7,283 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: