Imbarcazioni fuori uso: verso l'insediamento di un settore di dismantellamento?

0

Oggi a Saint-Martin, dove la nautica è un'attività importante, non esiste un canale di elaborazione per barche fuori uso (BHU). Lo smantellamento di una barca è altamente regolamentato. Le aziende devono avere un'autorizzazione per farlo, allo stesso modo di chi gestisce i veicoli fuori uso. 

Nel 2009 la federazione delle industrie nautiche ha voluto organizzare un settore di volontariato per lo smantellamento delle imbarcazioni da diporto in APER, associazione per la nautica da diporto eco-responsabile, che dieci anni dopo è diventata un'eco-organizzazione approvata dal Ministero della Transizione Ecologica. unito.

APER organizza il fine vita di imbarcazioni da diporto o sportive. In altre parole, finanzia lo smantellamento delle BHU remunerando i centri di cura specializzati e riconosciuti che ha selezionato a seguito di una gara d'appalto.

APER conta su una rete di 26 centri. In due anni ha potuto finanziare lo smantellamento di 3 imbarcazioni, di cui 116 in Martinica, unico territorio d'oltremare dove l'associazione è presente. Prevede di approvare nuovi centri di cura in Guadalupa, Guyana, Reunion ma anche a Saint-Martin. A livello locale, è in discussione con Verde SXM. 

All'estero, le condizioni per l'insediamento sono difficili a causa dei costi. Le società in grado di smantellare le barche sono poche e devono sostenere costi da due a quattro volte superiori rispetto alle loro controparti nella Francia continentale, a causa di un volume inferiore. 

(maggiori dettagli su soualigapost.com) 

 108 visualizzazioni totali, 108 visualizzazioni oggi

Fonte :

Soualiga Post: http://www.soualigapost.com/fr

Nessun commento

Faxinfo declina ogni responsabilità per il contenuto pubblicato e non intende rispondere.

English EN French FR Spanish ES Dutch NL Italian IT