ASTRONOMIA: Giove ha fatto il suo incontro più vicino con la Terra in 59 anni!

0

Nella notte del 26 settembre, il pianeta più grande del sistema solare non solo era in opposizione - il che lo fa sembrare più grande e luminoso - ma era anche il più vicino alla Terra, a "soli" 590 milioni di chilometri di distanza. Questo non accadeva dal 1963. Questa rara congiunzione dei due eventi consente di osservare il gigante gassoso più chiaramente che mai.

Essendo il quinto pianeta del Sistema Solare in ordine di distanza dal Sole, Giove si trova a circa un miliardo di chilometri dalla Terra quando si trova nel punto più lontano della sua orbita. Eccezionalmente, il 26 settembre distava solo 590 milioni di chilometri, quando aveva quasi raggiunto il suo perielio. Giove è particolarmente radioso da diversi giorni: e per una buona ragione, non solo si sta avvicinando al suo perielio, ma è anche in opposizione, il che significa che il Sole, la Terra e Giove sono allineati in questo ordine. Di conseguenza, il pianeta gigante è il più vicino alla Terra, un fenomeno che non si verificava da 59 anni.

L'opportunità di ammirare Giove ad occhio nudo

Giove segue un'orbita ellittica e sfalsata attorno al Sole: quando è più vicino al Sole (perielio), dista quasi 741 milioni di chilometri dalla stella; nel punto più lontano (afelio), dista 816 milioni di chilometri. Passa dall'uno all'altro in sei anni, il periodo orbitale di Giove è di poco inferiore a 12 anni.

L'opposizione di Giove, nel frattempo, si verifica ogni 13 mesi, facendo apparire il pianeta più grande e luminoso che in qualsiasi altro periodo dell'anno. Ma questa volta è anche molto vicino alla Terra, il che significa che in questi giorni il gigante gassoso può essere ammirato anche ad occhio nudo. "Con un buon binocolo, la banda (almeno la banda centrale) e tre o quattro dei satelliti galileiani (lune) dovrebbero essere visibili", ha affermato Adam Kobelski, astrofisico del Marshall Space Flight Center della NASA.

Con attrezzature ancora più avanzate è possibile osservare più in dettaglio la famosa Grande Macchia Rossa e le bande di Giove. “Un telescopio di 10 centimetri o più e filtri nella gamma dal verde al blu migliorerebbero la visibilità di queste caratteristiche”, precisa l'esperto. Ovviamente è fondamentale scegliere un luogo di osservazione lontano da qualsiasi inquinamento luminoso, preferibilmente ad alta quota. È possibile godersi lo spettacolo per qualche giorno in più, a condizione che il cielo sia sereno. "A parte la Luna, dovrebbe essere uno degli oggetti più luminosi (se non il più luminoso) nel cielo notturno", avverte Kobelski.

Una rara opportunità, che si ripeterà tra più di un secolo!

Alla fine di agosto, il telescopio James Webb aveva catturato magnifiche riprese di questo pianeta. Nella notte del 26 settembre anche molti astronomi dilettanti e professionisti hanno potuto scattare immagini spettacolari.

Per osservare Giove, osserva il cielo che si dirige verso est subito dopo il tramonto. Da non perdere, perché sarà particolarmente luminoso (la sua magnitudine è di circa -2,9). Attualmente si trova nella costellazione dei Pesci ed è visibile per la maggior parte della notte. Approfittane, perché l'evento (cioè la combinazione di opposizione e perielio) non si ripeterà fino al 2129! La prossima opposizione avrà luogo il 3 novembre 2023.

Usando un binocolo o un telescopio, i satelliti Galilei – o le quattro più grandi lune di Giove di Io, Europa, Ganimede e Callisto – dovrebbero apparire come punti luminosi su entrambi i lati del loro pianeta.

Giove raggiungerà il suo perielio esattamente il 20 gennaio 2023. Ma il nostro pianeta avrà fatto molta strada fino a quella data, quindi non saremo in grado di vedere chiaramente il gigante gassoso. Come ogni anno, dovremmo arrivare al nostro perielio circa due settimane dopo il solstizio d'inverno, all'inizio di gennaio. La Terra sarà quindi a 147 milioni di chilometri dal Sole.

 

Fatti divertenti...

• La magnetosfera di Giove è la struttura più grande del sistema solare. Se visibile dalla Terra, sembrerebbe più grande della Luna Piena.

• In una notte senza luna in un luogo buio, Giove può proiettare un'ombra visibile.

• Al suo equatore, Giove ruota a 28 mph (100 km/h), più di 45 volte più veloce della Terra.

• Se Giove fosse cavo, potrebbe contenere 1 Terre.

• In media, Giove viaggia per 5' al giorno sullo sfondo delle stelle. Quindi, in poco più di sei giorni, il pianeta gigante si sposta all'incirca della larghezza della Luna Piena.

• Il re dei pianeti è quasi 318 volte più massiccio della Terra.

• Giove riflette il 34% della luce solare che vi cade sopra.

• Il satellite planetario più luminoso visibile dalla Terra (senza contare la Luna) è Ganimede. Al contrario, la luna più grande del sistema solare brilla di magnitudine 4,4, una luminosità che la renderebbe visibile ad occhio nudo se il bagliore di Giove non la sopraffasse.

 1,814 visualizzazioni totali, 23 visualizzazioni oggi

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti