SALUTE – AMBIENTE: Sempre più zanzare

1

Le recenti piogge legate al passaggio delle tempeste Earl e Fiona potrebbero aumentare la popolazione di zanzare, che sono tra i principali fastidi percepiti dagli abitanti di Saint-Martin e dai turisti. 

Il territorio ha subito forti piogge nelle ultime settimane a causa del passaggio della tempesta tropicale Earl e della più recente tempesta Fiona con conseguente grande crescita di zanzare e siti di riproduzione o deposizione delle uova. Se a Saint-Martin esistono diverse specie di zanzare, solo una è in grado di trasmettere malattie umane all'origine di epidemie spesso gravi, l'Aedes aegypti, una specie di cui fa parte la zanzara tigre. Un morso di una zanzara infettiva Aedes aegypti diffonde malattie come la febbre dengue, la chikungunya, la febbre gialla e la zika. Per non parlare della dirofilariosi, una malattia chiamata anche "filariosi cardiopolmonare", che può essere fatale per cani e gatti. È quindi fondamentale che ogni cittadino partecipi alla prevenzione della sua riproduzione. Anche le condizioni atmosferiche instabili contribuiscono alla proliferazione di questi parassiti sull'isola, sconvolgendo il rischio di epidemie meteorologiche. Ad esempio, dopo l'uragano Luis, è stato registrato un aumento del 25% dei terreni di riproduzione delle zanzare vettore dengue. Il modo migliore per gestire un problema di zanzara è quindi attaccarne la fonte: impedire loro di riprodursi. L'Aedes aegypti nidifica principalmente in posatoi artificiali, in piccole raccolte di acqua limpida, all'interno o intorno alle abitazioni. I sottovasi per piante sono uno di quei luoghi senza pretese che possono raccogliere una piccola quantità d'acqua pur essendo un enorme terreno fertile per le zanzare. Vasi, vecchi pneumatici, barattoli di vernice vuoti, secchi o qualsiasi altro contenitore che possa contenere acqua sono le prime cose da controllare e smaltire se non utilizzati. I siti di riproduzione delle larve possono anche formarsi naturalmente nella cavità di una roccia, in un buco in un albero, nel bambù o persino nelle tue stesse piante. Se questi raccolgono acqua tra le foglie e lo stelo, diventeranno un luogo di riproduzione ideale per le zanzare. Idem per le grondaie, da pulire regolarmente. L'ARS, di concerto con il prefetto e la Collettività, che definisce il programma di monitoraggio delle zanzare vettori di malattie umane e le azioni da intraprendere, chiede la mobilitazione sociale dei cittadini in termini di prevenzione collettiva. La rimozione dei siti di riproduzione all'interno e intorno agli habitat è il modo più efficace per ridurre la densità delle zanzare. Per evitare i morsi, esistono anche mezzi di protezione individuali, come indossare abiti lunghi e larghi, installare zanzariere, utilizzare un diffusore elettrico per la protezione dei tuoi interni e repellenti anche se l'Aedes aegypti ha sviluppato una forte resistenza agli insetticidi chimici . Nessuna misura è efficace al 100%, ma è la somma delle misure individuali e collettive che permette di combattere la trasmissione delle malattie. _Vx

 3,181 visualizzazioni totali, 26 visualizzazioni oggi

Fonte :

Informazioni fax: https://www.faxinfo.fr/

A proposito dell'autore

Pubblica un nuovo commento