STAGIONE CICLONICA: il prefetto Vincent Berton chiede una resilienza collettiva

0

Lors de la 6esimo incontro informativo sulla preparazione della stagione degli uragani 2023 organizzato dalla Collettività dove lo Stato firma il suo 3esimo partecipazione, il Prefetto Delegato delle Isole del Nord ha invitato la popolazione a sviluppare una resilienza collettiva.

"La resilienza individuale di Saint-Martinois per affrontare un grande ciclone è indiscutibile, sanno come organizzarsi e fare le cose, è una grande risorsa rispetto alla popolazione parigina" ha dichiarato il politico. Tuttavia, l'accento è stato posto sui progressi da compiere per quanto riguarda la resilienza collettiva, che considera debole. I rifiuti considerati proiettili mortali in caso di ciclone con forti venti devono essere evacuati prima di un grande fenomeno meteorologico: "non possiamo permetterci di avere cumuli di rifiuti che creano un rischio gravissimo, dobbiamo andare avanti sul tema in connessione con la Comunità ". Dopo aver percorso la strada della speranza nel 2022 con Bernadette Davis, 2° VP del COM, il prefetto rileva, un anno dopo, l'attività ancora illegale in alcuni siti e la presenza di potenziali proiettili che rischiano di ostruire la pista di atterraggio di Grand-Case aeroporto: "non possiamo accettare questa forma di sconsideratezza che mette in pericolo la vita degli abitanti, dobbiamo essere consapevoli delle conseguenze di questi atti sulla collettività e, se necessario, mobiliteremo la giustizia”. Anche la caccia ai "vagabondi dei mari" è una priorità per lo Stato. Dopo aver speso 6 milioni di euro per ripulire la laguna dai relitti post-Irma, le barche all'ancora “in uno stato pietoso” che affonderanno in caso di ciclone saranno sicuramente un problema di cui i funzionari non si faranno carico. Un'altra grande lezione da ricordare dopo la visita di Irma: la comunicazione e la continuità dell'informazione. Per lo Stato è necessario garantire la capacità del centro operativo di trasmettere nuovamente informazioni con antenne in funzione dopo l'impatto, da qui l'acquisizione di un'antenna di riserva e l'accordo siglato con Radio Saint-Martin e Radio SOS, essendo mezzi radiofonici considerato più reattivo in una situazione di crisi. _Vx

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti