Conflict / Auberge de Mer: il cantiere di demolizione è stato bloccato ieri mattina!

0

Circa cinquanta persone erano presenti ieri mattina, alle 8 del mattino, per sostenere i mercanti dell'Auberge de Mer. La mobilitazione consisteva nel bloccare in pace il cantiere di demolizione.

Gli operai hanno lasciato la scena all'inizio della manifestazione, senza scontri. Anche il traffico è stato ostruito, prima da un veicolo parcheggiato dall'altra parte della strada dai manifestanti, poi per misure di sicurezza da parte della polizia territoriale e della gendarmeria, che hanno riaperto la pista alle 8:30 del mattino.

“Sono lì in solidarietà con i commercianti. Mentre l'isola dovrebbe essere ricostruita, stiamo rompendo lo strumento di lavoro delle persone che lavorano e hanno riaperto dopo Irma per dare vita all'economia ”, commenta Thierry. Questo regolare nei ristoranti della loggia marina deplora "la mancanza di trasparenza degli eletti" per quanto riguarda il progetto di riabilitazione della Marina Reale. "Lascia che rispondano alle domande poste da tutti", afferma.

"Pensiamo che ci siano altre priorità. Possiamo rinnovare senza mettere tutto a terra. Senza i commercianti non ci sono tasse e quindi non ci sono soldi per la comunità. Con noi non succederebbe così. Inoltre, gli viene detto di aspettare tre anni prima di poter tornare nei locali ”, aggiunge un paio di Quebec, clienti abituali dei ristoranti della locanda per ciascuno dei loro soggiorni sull'isola.

Per molti c'erano altre priorità. "Prima di rompere che hanno restituito l'illuminazione pubblica o riparato l'edilizia sociale e le scuole" lancia un commerciante nel suo discorso di ringraziamento alle persone che sono venute a sostenere il movimento. “La priorità non è ricostruire. Il Semsamar distrugge per te ”.

Ma soprattutto, la contro-competenza avanzata dai trader sembra più convincente della prima che ha giustificato l'ordine di pericolo. Per loro, la struttura dell'edificio è in buone condizioni. Confrontano l'aspetto della locanda marina, lo scheletro metallico di cui ora possiamo vedere, con gli edifici vicini con un aspetto molto più danneggiato e che tuttavia continuano ad essere abitati.

I commercianti si sono rammaricati del fatto che i rappresentanti eletti della COM non siano venuti a incontrarli durante la mobilitazione. Era presente solo Yannick Beaud, responsabile delle operazioni a Semsamar. Spiega che fa il suo lavoro e applica l'ordine di demolizione dell'ordine di pericolo. Il prefetto ha ricevuto una delegazione ieri mattina.

Tra i dimostranti una domanda: "Non è pericoloso demolire una parte mentre l'altra è ancora occupata?" ".

 3,443 visualizzazioni totali, 11 visualizzazioni oggi

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: