Cantiere // Lavori nascosti: cosa rischi se non sei in regola!

0

I servizi di polizia di frontiera di Saint-Martin hanno effettuato ispezioni in cantiere che hanno rivelato violazioni del diritto del lavoro (mancanza di esposizione, reati norme di salute e sicurezza lavoratori, lavoro nascosto) e la legge degli stranieri (impiego di stranieri senza titolo).

Mon a SAVANNE in un sito privato il 9 gennaio 2018, con 3 dipendenti non dichiarati, tra cui uno haitiano e l'altro di Ste Lucie.

L'imprenditore viene rimandato, con il cliente, al tribunale penale di Saint-Martin il 19 aprile.

L'altro 15 gennaio 2018, a Terres Basses in un cantiere di ricostruzione di una casa, con una società di costruzioni con sede a Sint-Maarten e gestita da un francese a cui è stato vietato di dirigere in Francia a seguito della sua condanna per fallimento, con 3 dipendenti stranieri non dichiarata e non autorizzata a lavorare in Francia (2 dalla Guyana e 1 dalla Svizzera), la stessa società essendo stata nuovamente controllata a Marigot (verso il Grand Saint-Martin) in una casa di abitazione il 18 gennaio 2018 con altri 3 dipendenti di Guyana non ha il permesso di lavorare in Francia (inoltre, ci sono state violazioni della sicurezza sul lavoro).

Il manager sarà presto citato in tribunale quando le indagini sulle responsabilità del cliente e del cliente saranno completate.

I veicoli utilizzati in queste due operazioni furono sequestrati in vista della loro confisca.

Cosa dice la legge ...

In collaborazione con i servizi della Collettività (pianificazione urbana), nell'ambito in particolare del comitato di polizia per la pianificazione ambientale e urbana (COPOLENU, la cui seconda riunione di lavoro che ha fissato gli obiettivi di controllo si è svolta il 17 gennaio alla presenza del prefetto GUSTIN, della signora LAUBIES e del signor FINIELZ), la ricerca di lavoro nascosto e l'impiego di stranieri senza titolo saranno sistematicamente accoppiati a una verifica delle condizioni di ricostruzione (dichiarazione di lavoro o permesso di costruzione, conformità con la PPRN) e ordini di messa in mora per interrompere il lavoro, se necessario.

 

La responsabilità penale dei subappaltatori e dei clienti che non verificano la regolarità della società e dei dipendenti che utilizzano è sistematicamente richiesta, così come il Fondo generale di sicurezza sociale ( CGSS) attuerà la solidarietà finanziaria dalla sua parte.

 

Il codice del lavoro, infatti, prevede un obbligo di vigilanza per l'amministrazione aggiudicatrice o il committente, e impone verifiche preventive al momento della conclusione del contratto, anche in qualità di subappaltatore, e in particolare con manodopera straniera, e quindi verificare le condizioni di distacco e la regolarità della dichiarazione di assunzione dei dipendenti che interverranno in suo favore. (articoli L1262-4-1, L 8221-6, D8254-1 ...)

 7,046 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: