Accusati di riciclaggio e falso, tre uomini vengono rilasciati

0

Nel giugno 2020 PC, dirigente d'azienda, è stato oggetto di una denuncia ai servizi di finanza pubblica: per ringraziare il suo commercialista di averlo aiutato a frodare, gli avrebbe offerto un Rolex a più di 20 dollari cinque anni prima. L'accusa affida le indagini alla sezione ricerche di Saint-Martin.

Le indagini riguarderanno solo le condizioni di acquisizione dell'orologio di lusso. Rivelano che PC l'ha comprato ma che il nome sul certificato di garanzia del gioiello è quello di SF, un amico di PC. Scoprendo poi che SF ha rimborsato PC per l'orologio in contanti, gli investigatori sospettano SF di riciclaggio di denaro (mentre l'anonimo accusa PC). Gli chiedono della fonte di questo denaro. SF afferma di aver vinto diverse volte al casinò; per provarlo, chiede certificati di reddito al direttore dello stabilimento. HM gli fornisce due documenti che giustificano un guadagno di 10 dollari e un altro di 000 euro. Ma gli inquirenti e l'accusa riterranno che queste attestazioni sono false, che PC e HM hanno aiutato SF a nascondere i soldi.

Perseguiti per riciclaggio di denaro e/o falso e/o uso di falsi, PC, SF e HM sono stati citati al tribunale locale di Saint-Martin il 21 novembre.  Il pm ha chiesto multe di 3, 000 e 5 euro rispettivamente contro HM, SF e PC.

Ma il tribunale di Saint-Martin si è dichiarato incompetente a pronunciarsi sui fatti di riciclaggio di denaro e di falso e ha assolto SF dai fatti di uso di falso. Come ha sottolineato un avvocato, i presunti fatti sono avvenuti in parte olandesi: l'orologio è stato ceduto da PC a SF in parte francese ma è stato acquistato in un negozio di Philipsburg. Così come i certificati di vincita al casinò sono stati completati in parte olandesi. Tuttavia, secondo il diritto francese, un tribunale non può giudicare persone per fatti avvenuti al di fuori del territorio nazionale.

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti