Una società accusata di aver ricevuto illegalmente una somma di denaro dalla COM

0

Un'impresa edile, il cui legale rappresentante è WM, si è costituita ieri mattina davanti al tribunale locale di Saint-Martin per atti di occultamento, da parte di persona giuridica, dei proventi di un reato. In altre parole, la società è stata criticata per aver accettato nel gennaio 2019 un pagamento di diverse decine di migliaia di euro dalla Collettività in cambio del completamento di un sito sapendo che il contratto non era stato concluso secondo le norme dell'art.

Secondo l'indagine della gendarmeria, la società sarebbe stata favorita dagli agenti della Collettività per ottenere un progetto di ristrutturazione del tetto. Né ha fornito tutti i documenti amministrativi che è necessario presentare in questo tipo di procedimento. Per l'accusa, l'accordo è stato concluso illegalmente ed è per questo che ha deciso di citare in giudizio la società.

Inizialmente, al rappresentante della società era stata proposta una comparizione previa ammissione di colpevolezza (o udienza per dichiararsi colpevole); Un CRPC è una procedura che consente di giudicare rapidamente l'autore di un reato che riconosce i fatti. Ma WM lo ha rifiutato, da qui la sua convocazione al tribunale locale. Al suo fianco apparirà un'altra azienda (ferramenta), anch'essa accusata degli stessi fatti.  Anche la Collettività è stata convocata giovedì mattina come vittima.

 3,309 visualizzazioni totali, 21 visualizzazioni oggi

Articolo sponsorizzato da:


A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: