Il dott. Michel Petit è stato umiliato durante il controllo delle frontiere

0

Il dottor Michel Petit, un noto medico dell'isola che ha esercitato la sua professione per oltre 32 anni a St. Maarten, ha avuto un'esperienza imbarazzante con un agente del PAF ieri al confine con Bellevue alla presenza del delegato prefetto Sylvie Feucher.

In un articolo pubblicato oggi sul sito di SMN NEWS, il dottor Petit ha raccontato le sue difficoltà incontrate al confine di Bellevue sabato 23 maggio.

Secondo il dottor Petit, ha ottenuto la sua rinuncia "C-waiver" quando gli è stato chiesto un parere medico durante l'apice della pandemia COVID-19 a St. Maarten. Ha detto che da quando ha ottenuto la sua esenzione C ha attraversato il confine diverse volte senza problemi, anche quando le autorità olandesi erano al confine, tranne questo sabato 23 maggio.

“Sono andato a Cole Bay ma mi sono reso conto che le attività erano chiuse sabato. Poi mi voltai per tornare a casa da Marigot. Sulla via del ritorno al confine di Bellevue, c'erano una ventina di veicoli davanti a me con diversi passeggeri e la Polizia di Frontiera che lasciava passare tutti senza alcun controllo rigoroso. Penso che in 30 secondi ogni veicolo sia stato autorizzato a passare, ma quando è stato il mio turno, contemporaneamente è arrivata sulla scena la prefetta delegata Sylvie Feucher.

In quel momento la signora ufficiale del PAF volendo dimostrare che stava facendo un buon lavoro espresse dubbi sul mio eccezionale certificato di viaggio (C-waiver) che avevo ottenuto più di un mese fa.

Poi ha chiesto il mio passaporto, poi ha voluto sapere chi aveva scritto la mia rinuncia firmata dal Primo Ministro, tutti per mostrare al Prefetto Delegato che il PAF stava facendo un buon lavoro, da quello che ho sentito. ”

Il dottor Petit ha aggiunto che l'imbarazzo non si è fermato qui, essendosi avvicinato il Prefetto e volendo sapere come avesse ottenuto la sua esenzione che non era l'originale. Il dottor Petit ha risposto di aver ricevuto la rinuncia via e-mail e ha chiesto se anche lei l'aveva inviata durante il parto autorizzazioni per via elettronica.

"Non c'era altro modo per ricevere la rinuncia se non attraverso questo", ha spiegato il dottor Petit. Alla fine hanno preso il suo passaporto e la sua esenzione e sono scomparse dalla sua vista per alcuni minuti per fare controlli perché il Prefetto ha detto che aveva l'elenco di tutte le persone che avevano ricevuto le autorizzazioni dalla parte olandese.

L'ufficiale della PAF gli ha detto che alcune persone stavano commettendo una frode stabilendo le proprie deroghe e che le avevano firmate da soli. "Ora devo chiedermi se mi trovo bene con il profilo di qualcuno che commette false scritture", chiede il dottor Petit.

Venerdì, il dottor Petit è stato invitato dal St Maarten Medical Center (SMMC) a ritirare un pacco dal lato francese contenente camici chirurgici. Ha detto "è stato in grado di recuperare l'attrezzatura medica e consegnarla a SMMC in meno di due ore e di aver utilizzato lo stesso documento dispregiativo senza alcun problema, ma oggi un ufficiale della PAF che ha voluto stupire Il prefetto Feucher lo sospettava di frode ”.

“Secondo me tutto questo non era necessario, sono un cittadino francese, un professionista della salute che ha lavorato e pagato le tasse dalla parte olandese, e il mio veicolo ha la targa francese. Sono totalmente imbarazzato da come sono andate le cose sabato e spero che nessun altro abbia la stessa esperienza.

“Ho un messaggio per il prefetto Feucher. È un peccato che sia andata al confine e abbia messo in dubbio la rinuncia C-waiver concessami dal Primo Ministro Silveria Jacobs pur non rispettando le raccomandazioni sull'allontanamento sociale. L'ufficiale del PAF che era a circa due piedi dalla mia faccia non aveva guanti o maschera e mentre gestisce i documenti di tutti i conducenti di passaggio, non si è igienizzata le mani.

Mi hanno restituito il passaporto e la mia esenzione, dopo aver confermato che quest'ultima era in regola, senza alcuna precauzione sanitaria. Li ho disinfettati immediatamente con il prodotto che avevo nel mio veicolo perché non voglio essere influenzato da COVID-19.

In caso di recrudescenza del virus da parte francese, il nostro Prefetto Sig.ra Feucher, deve sapere che potrebbe essere causato anche da agenti che non seguono le procedure. Come medico posso dirti che le procedure di base per l'allontanamento sociale non vengono seguite in questo luogo delicato. Inoltre, ho passato il confine più volte alla settimana e non ho visto nessun veicolo girare. Secondo me, quando non ci sei, è passaggio gratuito per tutti perché potrebbe essere troppo complicato licenziare qualcuno. Quindi, come rappresentante dello Stato francese, se vuoi imporre il controllo delle frontiere, devi essere sul posto in modo permanente o aprire le frontiere in modo che tutti possano passare e imporre le direttive stabilite dagli operatori sanitari. e organizzazioni come l'Organizzazione mondiale della sanità ”.

Secondo un articolo pubblicato oggi sul sito web di SMN NEWSwww.smn-news.com

Caricamento in corso

Non ci sono commenti