Soccorso: Nuovo intervento non necessario da parte del SNSM!

0

La sera di domenica 19 dicembre è stato attivato in mare un faro EPIRB (Emergency Position Indicating Radio Beacon). È un faro GPS che indica una posizione 8,4 miglia nautiche ad est dell'isola di Tintamarre.

Il CROSS-AG (Centro operativo regionale per la sorveglianza e il salvataggio - Antilles-Guyane, con sede in Martinica) ha lanciato per la prima volta un Mayday Relay sul canale 16 alle 19:20, chiedendo alle navi in ​​transito tra Saint-Martin e Saint-Barthélemy di deviare sulla posizione . Non c'è molta gente in mare, viste le condizioni meteo, e solo uno skipper, su un catamarano, risponde che è disposto a dirottare per dirigersi verso la posizione annunciata. È lontano e l'orario di arrivo previsto è di oltre un'ora e mezza. La CROSS gli chiede comunque di dirigersi verso l'area. Quindi la CROSS ha contattato la stazione SNSM di Saint-Martin alle 19:58 per entrare come rinforzi.

Una squadra, composta da 7 bagnini volontari, prepara la barca SNS 129 e lascia la Marina Fort Louis alle 20:42 alla ricerca di questo faro.

Non ci sono informazioni aggiuntive; la CROSS sa solo che è un faro americano ma non ha informazioni sul nome della barca, né a chi appartenga. Ha emesso la sua posizione solo una volta (alle 19:12) e da allora nulla.

Il mare è cattivo; ci sono 2 m per vedere 50 m di cavità, e molto vento (da 3 a 50 nodi). Per fortuna c'è la luna piena che, nonostante molte nuvole e qualche rovescio di pioggia, aiuta ad illuminare lo specchio d'acqua e rende la visibilità abbastanza buona.

SNS 129 procedeva lentamente verso la posizione data, la prua rivolta al vento e alle onde, ed è arrivata in zona alle 22:33, poco prima del catamarano che aveva deviato. Non c'è assolutamente nulla da segnalare nella zona: nessun segno di vita, niente zattera, niente persone in acqua, niente luce, niente detriti, niente faro galleggiante. Davvero niente da segnalare.

L'equipaggio della barca SNS 129 fa capolino con il binocolo termico; e il Gonio si accende per rilevare un possibile segnale da un faro; ma dopo aver virato per 20 minuti senza avere altri indizi, l'SNS 129 e il catamarano ricevono libertà di manovra dalla CROSS e possono tornare al rispettivo porto, Marigot per l'SNS 129 e Gustavia per il catamarano.

Alle 00:20, l'SNS 129 è tornato al suo ormeggio a Marina Fort-Louis, con i membri dell'equipaggio a mani vuote in questa inutile ricerca di un faro fantasma.

La stazione SNSM di Saint-Martin ricorda a tutti gli utenti del mare che, se il tuo beacon viene attivato accidentalmente, può essere spento. Ma devi contattare immediatamente la CROSS per avvertire che si tratta di un innesco accidentale e che non c'è alcun soccorso urgente.

La SNSM insiste sulla chiamata a CROSS anche se i diportisti pensavano di aver subito fermato il faro  quando è scattato e non ha avuto il tempo di esprimere la sua posizione.

È meglio prevenire per nulla, piuttosto che spegnerlo senza dire nulla…. perché questo può coinvolgere risorse di emergenza come quelle del SNSM o di altri marinai benevoli, che cercano ore invano. SNSM ringrazia lo skipper del catamarano per aver preso parte a questa ricerca in mare aperto, lontano dalla costa, nonostante le cattive condizioni meteorologiche.

 2,220 visualizzazioni totali, 3 visualizzazioni oggi

Fonte :

Informazioni fax: https://www.faxinfo.fr/

Nessun commento

Faxinfo declina ogni responsabilità per il contenuto pubblicato e non intende rispondere.

English EN French FR Spanish ES Dutch NL Italian IT