Riforma delle pensioni: l'UNSA chiede uno sciopero questo martedì 31 gennaio

0

Dopo la mobilitazione del 19 gennaio davanti alla Prefettura, l'Unione nazionale dei sindacati autonomi (UNSA) ha indetto uno sciopero questo martedì 31 gennaio per protestare contro la riforma delle pensioni, il cui movimento sarà nazionale.

In una conferenza stampa tenutasi giovedì scorso, il sindacato UNSA di Saint-Martin, che copre tutti i settori di attività, era rappresentato da Gilbert Rousseau (sezione del settore privato), Omar Benrhima e Mr Guieba (sezione della giustizia), Patrice Toma (sezione territoriale) , Sandrine Malherbe (sezione dell'Educazione Nazionale di primo livello), Jérémie Huot (sezione dell'Educazione Nazionale di secondo livello) e Myriam Paquin (sezione del settore pubblico).

"Tutti i mestieri sono interessati da questa riforma, sia nel settore pubblico che in quello privato", ha dichiarato Gilbert Rousseau. Per Jérémie Huot è inaccettabile l'innalzamento dell'età pensionabile legale a 64 anni invece che a 62 dal 2030, così come l'accumulo di 43 anni di contributi dal 2027: "ciò richiederebbe la sottoscrizione di una pensione integrativa, che aumenterebbe il divario sociale" . La rabbia è tanto più palpabile per chi ha iniziato la carriera professionale in ritardo. Sandrine Malherbe spiega, ad esempio, che sul versante dell'Educazione Nazionale, lo Stato richiede un numero di anni di studio maggiore rispetto alle generazioni precedenti per esercitarsi nel campo educativo dove concretamente una persona che inizia a lavorare a 25 anni non potrebbe godere solo della pensione all'età di 68 anni. Anche se la mobilitazione locale non si blocca sistematicamente sul forte slancio di un movimento nazionale, i rappresentanti dell'UNSA sperano che la popolazione di Saint-Martin faccia valere la sua voce per questo appello allo sciopero martedì 31 gennaio. Nessuno è immune da questo disegno di legge sulla riforma delle pensioni. Anche l'UNSA, il cui slogan è "Il tuo alleato quotidiano", ha voluto ricordare che indire uno sciopero non è il mezzo di resistenza più popolare del sindacato: "Quando trasmetti un movimento di protesta nazionale, è che è giustificato". Consapevole dell'attuale stagione turistica e dei suoi effetti sull'economia locale, l'UNSA non prevede blocchi o grandi manifestazioni per non prendere in ostaggio la popolazione. Un raduno sarà sicuramente organizzato questo martedì 31 gennaio, i dettagli saranno presto comunicati dalla stampa e sui social network dell'UNSA. Se la manifestazione dello scorso 19 gennaio ha riunito soprattutto attori del primo grado dell'Educazione Nazionale, l'UNSA riunisce tutti i settori: la Collettività, le professioni del servizio pubblico e il settore privato, il cui ramo è stato recentemente sviluppato e le domande di adesione continua a venire. Oltre al suo lavoro quotidiano di mediazione e supporto individuale per ogni agente, l'UNSA sarà responsabile di riferire al prefetto il tasso di scioperanti e mantenere aperto il dialogo con la sensazione di essere ascoltato dai funzionari di gli eletti della Prefettura e della Comunità. Con 600 membri al suo attivo a Saint-Martin, l'UNSA partecipa pienamente a risultati concreti attraverso le loro azioni "il nostro sindacato è uno strumento per migliorare il benessere dell'agente", ma anche quello del capo nel settore privato, ricordando i diritti e gli obblighi di ciascuna parte. Per ora, i rappresentanti dell'UNSA si stanno concentrando sullo sciopero del 31 gennaio. _Vx

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti