Plan France Relance: costituzione del comitato direttivo a Saint-Martin

0

Il comitato direttivo territoriale responsabile del monitoraggio dell'attuazione a Saint-Martin del piano nazionale di ripresa è stato istituito martedì mattina in prefettura dal prefetto, dal presidente della COM, dal capo del centro delle finanze pubbliche, il senatore.

Lanciato a livello nazionale all'inizio di settembre dal primo ministro, il piano France Relance mira a "trasformare rapidamente e in modo sostenibile l'economia francese". Dotato di 100 miliardi di euro di cui 40 miliardi di fondi europei, il piano è distribuito in ogni territorio attorno a tre aree principali: ecologia, competitività e coesione. Comprende 23 assi suddivisi in 95 schede di azioni tematiche.

Verranno lanciati regolarmente bandi di concorso a cui potranno rispondere associazioni e imprese locali. A seconda del tema che li riguarda, dovranno mettere insieme un dossier per ottenere un sussidio dallo Stato per finanziare il progetto che intendono realizzare localmente. "Saint-Martin è preoccupato da un centinaio di bandi di concorso", stima il prefetto. Tra i temi dei bandi di progetto citati e di interesse per Saint-Martin: biodiversità, ammodernamento del macello, sostegno alle associazioni che lottano contro la povertà, sostegno alla nascita di progetti di turismo sostenibile, ecc.

Il tasso di partecipazione finanziaria non è ancora fissato, varierà in base ai bandi di concorso. L'ammontare dei crediti che alla fine saranno assegnati a Saint-Martin nell'ambito di questo piano di recupero dipenderà dalla capacità del territorio di presentare progetti.

Ad oggi lo Stato è in grado di sbloccare 27 milioni di euro (da fondi europei) per finanziare progetti portati avanti dalla Collettività. Dovrebbe presentare progetti già programmati e per i quali non disponeva necessariamente di crediti statali.

La prefettura dovrebbe anche sfruttare questo piano di recupero per costruire la futura città amministrativa.

 

France Relance: come trarne vantaggio piano a Saint-Martin?

Questo piano, dotato di 100 miliardi di euro, prevede il sostegno di progetti guidati da associazioni, aziende o comunità a livello locale. Le strutture di Saint-Martin possono beneficiare di questo piano, la condizione è presentare un progetto legato ad uno dei temi proposti, favorendo lo sviluppo economico, sociale del territorio oa favore dell'ambiente.

Questi temi sono descritti in dettaglio nel sito planderelance.gouv.fr e classificati a seconda che il responsabile del progetto sia un'azienda, un'amministrazione, un individuo o un'autorità locale. Ruotano attorno a tre assi: ecologia, competitività e coesione. Le azioni sono molto diverse; questo può essere un progetto che consente l'assunzione di giovani, consente la promozione dell'offerta culturale, l'ammodernamento delle librerie, la lotta alla povertà, ecc. Viene inoltre offerta una batteria di aiuti finanziari alle imprese.

Ogni responsabile del progetto deve identificare il tema in cui ricade la sua azione e presentare la sua pratica all'ente locale competente per l'esame indicato sul sito. Deve anche prendere in considerazione le date dei bandi di concorso o il periodo durante il quale deve essere richiesta la sovvenzione. Se il piano di risanamento consente di finanziare azioni fino al 2022, non è possibile presentare il proprio progetto in nessun momento; è stato così stabilito un calendario fino al 2022.

Alla fine del 2020 verrà lanciato un bando di interesse a livello territoriale dai servizi dello Stato per individuare le associazioni che beneficiano di questi incarichi.

I giovani verranno reclutati dall'inizio di gennaio

I lavori FONJEP sono reclutati da associazioni per posizioni di leadership locali. I FONJEP Jeunes sono riservati alle persone dai 18 ai 30 anni.

Le posizioni, 2000, sono sostenute in associazioni che operano nei settori dell'educazione, dell'animazione o della coesione sociale.  Sono finanziati dallo Stato, tramite il Fondo di cooperazione per l'educazione popolare e giovanile (FONJEP) per un importo di 7 € all'anno per 000 anni.

Per le associazioni: è necessario contattare la Direzione dipartimentale della coesione sociale (DDCS) del proprio dipartimento  o la Direzione regionale per la gioventù, lo sport e la coesione sociale (DRJSCS) nella tua regione.

 6,394 visualizzazioni totali

Articolo sponsorizzato da:


A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: