Affondamento del Bourbon Rhode: tre sopravvissuti, uno morto e dieci dispersi

0

Giovedì 26 settembre, alle 4:10, il CROSS-AG (Centro operativo regionale per la sorveglianza e il salvataggio delle Antille-Guyana) ha ricevuto un avviso dal rimorchiatore "Bourbon Rhode", dalla società di Marsiglia Bourbon. La nave, lunga 50 metri con 14 membri dell'equipaggio, si trova a quel tempo a circa 2200 km dalla Martinica e poco più di 110 km a nord-nord-ovest del ciclone Lorenzo, con un significativo via navigabile che ne compromette la stabilità.

Mentre l'equipaggio si prepara a evacuare la nave in mari molto pesanti, la CROSS-AG incarica una nave, la "SSI Excellent", che si trova a 370 km di distanza, di deviare per assistere il "Bourbon Rhode" . La mattina di giovedì, si è tenuto un incontro di crisi presso la CROSS-AG, alla presenza di Franck Robine, prefetto della Martinica, ammiraglio Jean Hausermann, assistente del delegato del governo per l'azione statale in mare, e Philippe Bricquer, direttore di CROSS-AG.

Un Falcon 50 della Marina francese, spedito da Dakar, ha sorvolato la zona di emissione del faro della nave “Bourbon Rhode” e ha permesso di localizzare una zattera di salvataggio con tre uomini a bordo. Questi sono stati recuperati da una nave mercantile inviata nella zona dalla CROSS-AG. I sopravvissuti hanno confermato che il "Bourbon Rhode" è affondato giovedì 26 settembre. La ricerca si concentra principalmente sulle altre tre zattere di salvataggio della nave, con la partecipazione di un aereo dell'NHC (National Hurricane Center) e della fregata di sorveglianza "Ventôse" della Marina francese e del suo tipo di elicottero " Panther ".

Sabato, all'inizio della notte, l'aereo del NHC ha individuato un semirigido rovesciato probabilmente proveniente dal "Bourbon Rhode". La notte, avendo impedito il suo trasferimento con mezzi marittimi, l'aereo della Marina Militare Nazionale è stato in grado di riposizionare la barca all'alba di domenica 29 settembre. Una nave mercantile, impegnata nell'operazione, era responsabile del recupero della barca. Questa nuova scoperta ha permesso a CROSS-AG di perfezionare il sistema aeromaritime, che comprende, oltre ai mezzi messi in atto dallo Stato, cinque navi mercantili.

In un comunicato stampa pubblicato lunedì 30 settembre, il Gruppo Bourbon ha affermato che il corpo di uno degli undici marinai scomparsi è stato individuato da uno degli aerei e recuperato da una nave che stava partecipando alla ricerca. Le operazioni di salvataggio continuano a trovare gli altri membri dell'equipaggio. _RM

Caricamento in corso

Non ci sono commenti