MICRO-TROTTOIR: “Secondo lei, quali sarebbero le pratiche da trattare con urgenza dalla nuova presidenza della Collettività di Saint Martin? »

0

“Sono un trader, quindi prima di tutto mi viene in mente l'economia. L'economia, aiuto ai commercianti locali, anche agli imprenditori, ma non solo a chi ha soldi. Diverse cose sono già in atto ma non basta. Tra il passaggio di Irma e il covid, tutti abbiamo sofferto enormemente economicamente. Saint Martin vive principalmente di turismo ma fa fatica a ripartire, a riscoprire gli anni di gloria che abbiamo conosciuto in passato. È triste a dirsi ma spesso ho l'impressione che sopravviviamo più di ogni altra cosa, non ci diamo i mezzi per riprenderci pienamente quando lo abbiamo già fatto. Dobbiamo concentrarci su quello. » Chantal

 

“Quindi, per me, ci sarebbero due cose, diverse ma importanti. Un vero rifugio e trasporto pubblico. Questo famoso rifugio aspettava da secoli. Ma dovremmo anche davvero educare la popolazione a sterilizzare i propri animali domestici, è diventato incontrollabile. Sono consapevole che questo è più un problema culturale che altro, ma qualunque cosa, deve andare di pari passo con la costruzione di un rifugio. Gandhi ha detto che riconosciamo il grado di civiltà di un popolo dal modo in cui tratta i suoi animali. Per meditare. E quando si tratta di trasporti, non ho bisogno di ricordarti quanto sia caotico. È tempo di agire. »  Eddy

“Tutto ciò che riguarda direttamente o indirettamente l'ambiente. A cominciare dalla raccolta differenziata e dal riciclo dei rifiuti, da mesi ci promettono montagne e meraviglie in fatto di smaltimento rifiuti e niente. Va benissimo voler rivitalizzare l'economia locale e sviluppare il potere d'acquisto, ma i politici dimenticano che viviamo su questo pianeta unico che ora è in prestito, non esiste un piano B. L'inquinamento è già un problema ricorrente a Saint Martin, organizzando le campagne di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata e l'offerta di mattine di pulizia delle spiagge sono misure essenziali vista la situazione attuale, ma se non affrontiamo il problema alla fonte, è il serpente che si morde la coda. » Enya   

“Il senso di insicurezza che regna e che aumenta in certi quartieri. Sono padre di tre ragazze e non voglio che vivano nella paura o si sentano obbligate a non uscire dopo una certa ora. Vengo da Saint-Martin e amo la mia isola, ma posso anche testimoniare il suo degrado. Mi manca il San Martino di una volta, dove era bello vivere a qualsiasi ora del giorno e della notte, e ovunque. Oggi anche noi locali evitiamo di passare per tale strada perché è immersa nel buio, non è normale, sta diventando un luogo comune, quindi non parliamo nemmeno di turisti. L'installazione di telecamere di sorveglianza avrebbe un impatto reale sulla riduzione della criminalità e aiuterebbe notevolmente le persone a sentirsi più sicure. » Michel  

 6,988 visualizzazioni totali

Fonte :

FaxInfo: https://www.faxinfo.fr/

Articolo sponsorizzato da:


A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: