Marcia pacifica / Daniel Gibbs: “Saint Martin deve poter trovare la sua vita senza confini! "

1

Da quando esiste il Trattato del 1648, i Saint-Martinois hanno vissuto in un territorio binazionale con confini simbolici, forti del precetto di unità che è loro caro: un'isola - un popolo - un destino!

Per la prima volta in 372 anni, i confini fisici si sono materializzati tra il nord e il sud a causa del virus Covid19.

Il controllo delle frontiere è avvenuto per la prima volta nell'ambito di un accordo tra il governo di Sint Maarten e la rappresentanza locale dello Stato, nel momento specifico del confinamento congiunto nell'aprile 2020. È stato poi ripreso dalla sola Francia, in agosto, quando l'epidemia è ripresa e Sint-Maarten è stata aperta al turismo americano.

La decisione dello Stato di continuare queste limitazioni al traffico per tutto il mese di settembre, su raccomandazione dell'Agenzia sanitaria regionale, porta a un forte malinteso della gente di Saint-Martin, un malinteso che condivido pienamente.

Da un mese e mezzo, infatti, gli indicatori mostrano che i controlli alle frontiere non hanno permesso di fermare la circolazione del virus.

L'argomento iniziale, compreso da molti, consistente nel voler stabilire una barriera per proteggere la parte francese dal Covid-19 non regge più oggi.

Al contrario, questi controlli hanno causato grosse difficoltà alle nostre aziende e accentuato un malessere sociale che deve essere preso in considerazione in tutti i suoi aspetti.

Dopo numerosi appelli e ammonimenti alla prefettura, all'ARS e ai ministeri, la richiesta di Saint-Martin non ha avuto successo.

Ho deciso di continuare instancabilmente a portare la voce di Saint-Martin e di sostenere la posizione di Saint-Martinois implorando lo Stato di ripristinare la libera circolazione delle merci e delle persone tra le due parti dell'isola. È in gioco la sopravvivenza di Saint-Martin.

La decisione di mantenere questi controlli invece di favorire la cooperazione tra gli stati e la gestione sanitaria a livello insulare è un errore. Non rispetta i valori intrinseci di Saint-Martin e lo stile di vita di Saint-Martinois. Non riconosce nemmeno l'attitudine di Saint-Martinois a prendere la misura di questa pandemia e ad osservare un comportamento adattato e i gesti di barriera raccomandati nello spazio pubblico.

La manifestazione annunciata oggi avrebbe potuto ancora una volta essere evitata. Se il nostro appello fosse stato ascoltato, la nostra isola non sarebbe più afflitta da tensioni inutili. Spero solo che non sia una "PPRN bis repetita"

La situazione sanitaria rimane preoccupante e deve richiedere la nostra piena responsabilità. Questa responsabilità deve essere stabilita tra le due parti dell'isola ed i rispettivi stati attraverso un vero e proprio piano di cooperazione sanitaria. Questa collaborazione è possibile se tutti fanno la loro parte! La sopravvivenza economica dipende da questo. Anche la coesione sociale.

In qualità di funzionari eletti, il ritorno a una situazione sanitaria favorevole in tutta l'isola, nonché il mantenimento della pace sociale, rimangono la nostra massima priorità.

Faremo quindi del nostro meglio per promuovere questo piano d'azione congiunto per la salute che copre l'intero territorio.

Ho chiesto allo Stato di effettuare un intervento diplomatico a sostegno di questa cooperazione sanitaria tra le nostre agenzie sanitarie.

Ho scambiato questa giornata (ieri) con il ministro d'oltremare Sébastien Lecornu, ha ascoltato la mia richiesta. In cambio, aspetto la sua posizione e le sue proposte.

Con lo stesso spirito, giovedì 17 settembre incontrerò il Primo Ministro di Sint Maarten per offrirle lo stesso approccio.

Sono convinto che sarà attraverso il dialogo e la consultazione che troveremo insieme un esito favorevole a questa nuova prova ”.

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

1 commento

  1. Galati 17 settembre 2020 alle 12:35 Rispondi

    Signor Gibbs, sono Saint Martinois, e non condivido le sue affermazioni, il confine esiste da anni, serve un permesso di soggiorno e di lavoro per vivere dalla parte olandese purché abbia il passaporto francese . Il tasso Covid è 4 volte più alto nelle proiezioni da parte olandese, sono le statistiche! Ma rischiamo un disastro sanitario grazie alla tua irresponsabilità, voglio vedere le tue dichiarazioni tra 3 settimane e peggio, la prefettura ha ceduto alla minaccia di violenza e alle dichiarazioni di un primo ministro di un governo straniero Sint Maarten, la democrazia è stata calpestata e non si ha più legittimità agli occhi di una parte della popolazione

Pubblica un nuovo commento