Lou Nkpa, un ex studente di Saint-Martin, ha offerto zucche per incoraggiare i suoi compagni a ridurre il consumo di plastica

0

“Non credo di essere l'unico, né il primo ad aver notato che i rifiuti di plastica sono un grosso problema sull'isola. Li vediamo ovunque, per strada, sulle nostre spiagge, in mare, nella natura in generale. Possiamo organizzare tutte le operazioni di raccolta dei rifiuti che vogliamo, finché non capiamo tutti che c'è un problema reale, continueremo a vederli intorno a noi ”, concorda Lou Nkpa, ex allievo del Lycée Robert Weinum e ora uno studente a Montreal.

All'inizio dell'anno scolastico 2020, Lou ha lanciato una sfida: "lasciare l'isola dando un contributo". Ha avuto l'idea di svolgere un'indagine sulle abitudini di consumo di acqua dei suoi compagni. “Un'enorme quantità di plastica proviene dalle bottiglie che usiamo per tutti i tipi di bevande. Il 70% degli studenti delle scuole superiori beve acqua di sorgente in bottiglia e circa il 60% ammette di lanciarne almeno una al giorno. Immagina che bottiglia (o più)  gettato al giorno rappresenta per 150 studenti delle scuole superiori per un mese.  Ora immagina cosa produrrebbe la nostra intera isola in confronto. È gigantesco, vero? », commenta.

Per ridurre il volume dei rifiuti, Lou ha chiesto fondi per offrire bottiglie d'acqua agli studenti delle scuole superiori e incoraggiarli così a consumare in modo sostenibile. Grazie al supporto dell'associazione HeadMadeFactory ha potuto offrire alle 245 persone che hanno risposto alle domande una bottiglia del marchio TUSS da lui creato. 

(Soualigapost.com)

 3,714 visualizzazioni totali, 3 visualizzazioni oggi

Fonte :

Soualiga Post: http://www.soualigapost.com/fr

Articolo sponsorizzato da:


A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: