L'aeroporto di Pôle Caraïbes ha registrato un calo del 77% del traffico rispetto allo scorso anno!

0

Il traffico all'aeroporto di Pôle Caraïbes in Guadalupa ha registrato 39.206 passeggeri il mese scorso, ma rimane in calo del 77% rispetto a giugno 2019.

Mentre aveva accolto meno di 11 passeggeri lo scorso maggio, l'aeroporto di Guadalupa ha contato 000 nel giugno 39.206. La revoca del contenimento (seconda fase) e il graduale allentamento delle misure di quarantena hanno permesso “un recupero cauto viaggi aerei "il mese scorso, viaggi che nonostante tutto restano limitati alle destinazioni domestiche (Indie occidentali continentali e francesi).

L'aeroporto di Guadalupa Pôle Caraïbes ha ricevuto circa 171.200 passeggeri a giugno 2019, con una perdita di traffico del 77%.

Verso la terraferma, il traffico è diminuito dell'81%, con 20.000 passeggeri nel giugno 2020 contro 102 dello scorso anno. Oltre ai voli Air France, sono stati aggiunti quelli delle compagnie aeree Air Caraïbes e Corsair, che hanno gradualmente rilanciato le loro operazioni a fine giugno non appena sono stati annunciati i limiti di capacità. Queste due compagnie stanno continuando la ripresa graduale del loro programma di volo, aumentando gradualmente le loro frequenze.

Per le festività natalizie (luglio / agosto), queste tre compagnie dovrebbero, secondo l'aeroporto, "operare tra 3 e 5 voli giornalieri per Parigi, contro un totale di 6-7 negli anni precedenti".

La situazione dell'offerta dovrebbe migliorare nei mesi di luglio e agosto, portando a un calo dell'offerta complessiva di circa il 45% nel periodo estivo ", sapendo che la grande domanda rimarrà la presenza nel contesto particolare che viviamo ”. Il traffico transatlantico resta disciplinato da misure sanitarie applicabili ai passeggeri in arrivo in Guadalupa, che devono presentare un test PCR negativo risalente a meno di 72 ore prima della partenza del volo per le Indie Occidentali, nonché un certificato sull'onore di nessun sintomo presente.

· XNUMX€ Il traffico verso le Isole del Nord è diminuito del 52%

La rete domestica regionale ha registrato un calo del 65% a giugno. Il traffico verso le Isole del Nord (Saint Martin Grand Case e Saint Barthélémy) è diminuito del 52%, a poco più di 7800 passeggeri contro quasi 16.300 dello scorso anno. La frequenza dei voli operati da Air Caraibes e Air Antilles su questa rete e l'assenza di restrizioni di viaggio, tuttavia, hanno permesso di generare "prestazioni meno negative rispetto all'andamento del traffico complessivo".

Verso la Martinica e la Guyana, il traffico è in calo del 71% (10.300 passeggeri trasportati contro 35.700 l'anno scorso) e rimane "gravemente colpito dalla ripresa dell'epidemia in Guyana", nonostante 3-4 frequenze giornaliere operate da vettori regionali e la revoca delle restrizioni di viaggio tra Guadalupa e Martinica. Ricorda che l'emergenza sanitaria rimane in vigore in Guyana e che i viaggi da questo dipartimento restano proibiti, tranne per ragioni convincenti. In questo caso, i passeggeri provenienti dalla Guyana e autorizzati a viaggiare devono aver effettuato un test PCR 72 ore prima della partenza e sono soggetti, al loro arrivo, a un test PCR e a una quarantena di 7 giorni.

 3,591 visualizzazioni totali, 4 visualizzazioni oggi

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: