Divieto di pubblicazione selvaggia! 

0

L'esibizione elettorale è riconosciuta dall'articolo 16 della legge del 29 luglio 1881 relativa alla libertà di stampa. È strettamente inquadrato dal codice elettorale. L'articolo L.51 del codice elettorale prevede che durante la durata del periodo elettorale, a ciascun candidato vengano assegnate posizioni speciali di uguale area per l'apposizione di manifesti elettorali. 

Al fine di ridurre il distacco selvaggio, la legge n. 2011-412 del 14 aprile 2011 che semplifica le disposizioni del codice elettorale e relativa alla trasparenza finanziaria della vita politica ha autorizzato l'attaccatura dei manifesti elettorali sui "cartelloni pubblicitari" di libera espressione dove esiste ”. Questa legge ha anche esteso da 3 a 6 mesi il periodo durante il quale qualsiasi display elettorale al di fuori dei pannelli di visualizzazione.

Qualsiasi violazione di questa disposizione è punibile con una multa di 9000 euro (articolo L.90 del codice elettorale). Anche il formato dei poster, il numero massimo di spazi riservati e i metodi di rimborso sono rigorosamente definiti. Inoltre, le disposizioni degli articoli L.581-13 e L.581-30 del codice ambientale in materia di pubblicità regolano anche la visualizzazione di opinioni al fine di proteggere l'ambiente. Pertanto, i regolamenti in vigore raggiungono un giusto equilibrio tra libertà di espressione, rispetto per l'ambiente e parità di trattamento tra i candidati.

 3,772 visualizzazioni totali, 11 visualizzazioni oggi

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: