Risarcimento assicurativo: confronto dell'elaborazione del caso con altri NAT CAT

0

In teoria, l'assicuratore deve versare un risarcimento, salvo casi di forza maggiore, entro tre mesi dalla data in cui è stata trasmessa la stima del danno e delle perdite subite o dalla data di pubblicazione del decreto interministeriale. In pratica, il ritardo è molto più lungo; uno dei motivi principali menzionati è la mancanza di uno o più documenti nel file.

Alla fine di maggio, l'87% dei fascicoli di Saint-Martin e Saint-Barthélemy sono stati sistemati in tutto o in parte. O 225 giorni dopo la scadenza per la denuncia. Per fare un confronto, è quasi la stessa proporzione che le società si erano stabilite dopo le alluvioni della Senna e della Loira nel maggio-giugno 2016 (91%) o quelle nelle Alpi marittime avvenute nell'ottobre 2015 (90%) sette e mezzo mesi dopo le catastrofi.

D'altra parte, l'importo pagato a Saint-Martin e Saint-Barthélemy è molto più basso rispetto a quelli pagati durante due CAT NAT menzionati. Qui, il 46% dell'importo della compensazione è stato rilasciato. Nelle Alpi Marittime, era circa il 68% nello stesso periodo. E oltre il 70% dopo le alluvioni della Senna e della Loira. (Maggiori dettagli su www.soualigapost.com)

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti