CALCIO / Arrivo di Messi al PSG: una conferenza stampa memorabile nella storia della L1

0

(Foto di Bertrand GUAY / AFP)

C'era solo da vedere il volto radioso di Nasser Al-Khelaïfi salendo sulla piattaforma, per prendere la misura dell'evento che il PSG ha appena raggiunto.

Dieci anni dopo aver preso in mano le sorti del club parigino, NAK e Prince Al-Thani tengono il colpo da maestro. " Sono molto felice e orgoglioso di presentare Leo Messi come giocatore del PSG. È una giornata incredibile e storica per il club e il mondo del calcio. È un momento fantastico, tutti conoscono Leo, è l'unico giocatore che ha vinto 6 palloni d'oro, rende magico il calcio”, ha detto il direttore sportivo.

« Sono molto orgoglioso di te Leone. È molto sincero, guarda, non leggo i miei appunti, ride, indicando le foglie spiegate davanti a lui. Hai fatto un lavoro fantastico per il club e i suoi sostenitori. Poi è arrivato il momento del discorso di Messi, un sorriso smagliante sul volto: " Tutti sanno come ho lasciato il Barcellona, ​​è stata davvero molto dura perché ci ho passato tanti anni ma, appena arrivato qui, posso dire che mi sento molto felice. Sono entusiasta di allenarmi. Voglio iniziare ad allenarmi perché ho molta voglia di incontrare lo staff per iniziare questa nuova fase della mia carriera. »

Non ha esitato ad accogliere la rapidità con cui il PSG ha preso in mano il fascicolo, dopo "la pubblicazione del comunicato stampa del Barça" che annunciava il divorzio tra le due parti. A differenza dei tifosi blaugrana, le ferite sono guarite in fretta, a dimostrazione che nel calcio le cose vanno molto velocemente in una direzione o nell'altra.

L'accoglienza che i tifosi parigini riservano da domenica a Le Bourget à Léo, non ha mancato di far reagire il maestro: " È stata una follia! Se mi mancava qualcosa per essere decisamente felice, era questa pazza accoglienza da parte dei tifosi. Sono molto grato a loro. Appena uscito il comunicato del Barça, la gente era già in piazza, come se fossi arrivato quando ancora nulla era stato fatto! ".

Davanti al Parc des Princes, alcune centinaia di tifosi, tra cui alcuni noti personaggi del Collettivo Ultras Paris, aspettavano anche i “Messi”, tamburi, bandiere e fumo in mano. È così che la Pulga ha conosciuto le sue nuove locomotive. Nella folla si canta per far saltare le corde vocali, le torce illuminano il piazzale del Parco mentre petardi esplodono ovunque, spingendo persino la polizia a lanciare qualche lacrimogeno - vuole la tradizione francese - per calmare i più eccitati. Tempo perso, ovviamente.

Mercoledì Messi ha incontrato i suoi nuovi amici davanti al Parco: “Wallah, ho visto Messi per davvero! L'ho visto per intero, te lo giuro, era a 50 metri da me, l'ha fatto a me ", accende un ragazzino, mimando un pollice in alto al suo amico. Erano quindi le 12:10 e Messi era appena tornato nelle viscere del Parc des Princes per continuare la sua maratona mediatica.

IL SUO Parco dei Principi, adesso. No ma in effetti anche detto così, ancora non ce ne rendiamo conto!

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti