Festival degli animali endemici: centinaia di persone hanno scoperto la fauna di Saint-Martin

0

Quasi 300 persone hanno scoperto gli animali che vivono solo a Saint-Martin durante il quinto Festival annuale degli animali endemici. Sono stati accolti da oltre 30 volontari ed esperti che condividono vari argomenti come la natura nella letteratura dell'isola, squali, iguane, piante e animali autoctoni, muri in pietra e tradizioni edilizie locali. L'evento è stato organizzato dall'associazione Les Fruits de Mer all'Amuseum Naturalis presso The Old House in Quartier d'Orléans.

"Siamo stati felici di vedere così tante persone divertirsi e scoprire gli animali unici di quest'isola!", Ha detto Jenn Yerkes, presidente dell'associazione Les Fruits de Mer. "È stato il nostro primo evento pubblico al Amuseum Naturalis presso The Old House.

Stiamo lavorando con la comunità per rendere questo posto uno spazio in cui molte voci condividono ciò che è speciale di St. Martin. Siamo stati quindi molto lieti di invitare esperti locali. Hanno usato il tema di quest'anno - Made Here - per collegare la fauna selvatica locale con molte altre parti del patrimonio locale. ”

Esperti locali hanno condiviso sette affascinanti argomenti al festival di quest'anno. Tadzio Bervoets e la St. Maarten Nature Foundation hanno presentato gli squali dell'isola. L'autrice ed editrice Lasana M. Sekou ha preparato selezioni di poesie locali e scritti sulla natura per la mostra. Christophe Henocq ha evidenziato i muri in pietra storici come habitat unico per piante e animali. Laura Bijnsdorp ed EPIC hanno presentato come le piante locali aiutano a proteggere l'isola. Lo specialista di uccelli Binkie van Es ha condotto attività divertenti per il programma Caribbean Bird Detective. L'Anguilla National Trust ha condiviso il suo lavoro per salvare rare iguane su Anguilla, che sono scomparse da St. Martin. Mark Yokoyama ha sottolineato gli animali endemici di San Martino.

Sia i bambini che gli adulti hanno apprezzato molte arti e mestieri sul tema degli animali, tra cui la realizzazione di maschere iguana e la pittura di sacchi di animali selvatici. I partecipanti hanno anche scoperto Plantilles, il programma di piante del patrimonio che inizia sulla base dell'Amuseum Naturalis. Il progetto comprende orti comunitari, un vivaio di piante autoctone e un giardino di tisane ("tè del cespuglio").

Il festival di quest'anno è stata la prima occasione in diversi anni per il pubblico di vedere la storica The Old House nel quartiere di Orleans. Sarà la nuova sede del museo naturalistico gratuito Amuseum Naturalis, che dopo due anni si trasferisce al Grand Case. Più di 100 volontari hanno contribuito a preparare la proprietà dall'inizio dell'anno. Les Fruits de Mer ospita regolarmente eventi di volontariato nel fine settimana e invita tutti a partecipare. L'associazione spera di rilanciare il museo stesso entro la fine dell'anno.

 6,846 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: