Chiusura temporanea del valico tra le Salines d'Orient e la spiaggia di Galion

0

Aperto da Irma, il passaggio tra lo stagno delle Salines d'Orient e la spiaggia di Galleon è stato chiuso dal deposito di una striscia di sabbia venerdì 14 dicembre alle 8:XNUMX.

Una decisione dopo diverse settimane di accese trattative tra il Conservatoire du littoral (proprietario del sito), la Riserva naturale (che lo gestisce) e la collettiva Soualiga United.

“Stiamo aspettando analisi di campioni per una ricerca di inquinamento con alghe verdi. Come misura precauzionale per la salute pubblica, ma anche per evitare che le alghe verdi contaminino le alghe e i coralli, abbiamo deciso di chiudere temporaneamente il passo ”, spiega Nicolas Maslach, direttore della Riserva naturale di Saint-Martin.

Queste alghe verdi, che proliferano nello stagno da diverse settimane e hanno iniziato a invadere la spiaggia, si nutrono di materia organica. Sono certamente una conseguenza della capacità di sottotrattamento del vecchio impianto di trattamento nel quartiere d'Orléans e dei problemi di igiene in generale. La mangrovia, fino ad allora, ha procrastinato gli effetti di queste acque reflue. “Irma ha eliminato la mangrovia che ha avuto un effetto purificante grazie alle mangrovie. A causa della sua scomparsa e dell'apertura del passo, l'acqua sporca è stata scaricata nel mare ", aggiunge.

Nonostante sia una vera piaga, la proliferazione delle alghe verdi è tempestiva mettendo tutti d'accordo. Oltre alle sue virtù ecologiche, anche la chiusura del passo è simbolica. Il collettivo di identità Soualiga United, creato quando il ristorante Chez Raymond a Baie Rouge chiuse, ne aveva fatto il suo cavallo di battaglia. "La chiusura del valico è stata importante perché il Galion è l'unica spiaggia rimasta agli abitanti del Quartier d'Orléans" considera Agnès Alexander, uno dei cinque membri della delegazione del collettivo con Jean Hodge, Emile Lake , Alum Paines e Jules Charville. Spiega questo residente del Quartier d'Orléans, anche vice-rappresentante del consiglio distrettuale numero 1: "nella nostra cultura non facciamo il bagno dove lo stagno e il mare si mescolano perché per noi non è pulito" . L'avvicinarsi della Pasqua e il suo tradizionale campeggio hanno reso urgente la chiusura del passo per i dodici membri del collettivo (tra cui Louis e Lenny Mussington), che dicono di rappresentare alcuni degli abitanti. “Mi sento molto meglio adesso e anche gli abitanti del Quartier. Vedo che possiamo lavorare con la riserva naturale e che ci ha capito bene ”confida Agnès Alexander. Da parte sua, Nicolas Maslach aggiunge: "abbiamo una riserva in un ambiente urbano quindi nella nostra gestione dobbiamo tenere conto dell'aspetto umano e degli usi". E aggiungere: "in ogni caso stava per chiudere come tutti gli stagni di Saint-Martin".

Tuttavia, l'apertura del passo ha avuto effetti benefici per lo stagno delle saline orientali e la biodiversità. Questo è il motivo per cui la Riserva sta prendendo in considerazione la costruzione di chiuse che ossigenerebbero regolarmente lo stagno in base alle maree.

(Maggiori dettagli su www.soualigapost.com)

 5,932 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

"Volti di San Martino II"

Ricordi quei giganteschi ritratti che abbiamo scoperto nelle strade di Marigot lo scorso anno? Il servizio culturale dei premi di collettività ...
%d ai blogger piace questa pagina: