VARIE: Quando un incidente in scooter innesca atti di violenza e vandalismo a Sandy Ground...

0

Come un incendio! Poche ore dopo che un conducente di due ruote ha perso da solo il controllo del proprio veicolo e si è schiantato contro il retro di un'auto a Concordia, false informazioni diffuse sui social network che coinvolgevano la gendarmeria, hanno portato a scene di violenza inaccettabile nella notte di martedì 11 luglio a Mercoledì 12 luglio nel quartiere Sandy Ground.

Negozi saccheggiati, diverse auto e cassonetti dati alle fiamme, gendarmi presi di mira e feriti, questo il triste bilancio stilato dal prefetto delegato delle Isole del Nord, Vincent Berton, con al suo fianco il tenente colonnello della gendarmeria, Maxime Wintzer - Wehekind, in seguito ai gravi incidenti di Sandy Ground.

notizie false: nel pomeriggio di martedì 11 luglio, sui social network si è diffusa una voce esplosiva che coinvolgeva la gendarmeria in un grave incidente di un individuo su uno scooter, rue Richardson, a Concordia. Falso, totalmente falso!

 I fatti reali: il prefetto delegato delle Isole del Nord, Vincent Berton e il tenente colonnello Maxime Wintzer-Wehekind si sono rivolti ai media nel corso di una conferenza stampa organizzata mercoledì mattina in prefettura. Questo per mettere le cose in chiaro.

"In nessun momento i gendarmi sono stati coinvolti nell'incidente dello scooter", ha detto Vincent Berton. L'individuo sulla sua due ruote non è stato travolto o investito da una moto della gendarmeria. Siamo trasparenti e non abbiamo nulla da nascondere”.

Si tratta infatti di un video pubblicato sui social dove si vedono dei gendarmi che circondano a terra un giovane Saint-Martinois, vittima di una caduta su uno scooter che ha dato fuoco alla polvere da sparo.

L'incidente del pilota del due ruote è avvenuto martedì all'inizio del pomeriggio. "Fin dal mio arrivo ho notato che i motorini non si fermano facilmente alle convocazioni dei gendarmi", rileva il tenente colonnello. “A questo proposito, ci stiamo mettendo in atto  dispositivi speciali in aree a rischio di incidenti con un certo numero di protezioni. Questi dispositivi consumano molto manodopera poiché sono più di 20 i gendarmi che vengono mobilitati in modo da poter controllare le persone in completa sicurezza ", spiega.

Per tornare allo sfortunato episodio di martedì, in rue de Spring a Concordia viene allestito un nuovo dispositivo composto da due motociclisti della brigata motorizzata. Quest'ultimo, parcheggiato in rue Mingau, ha visto due individui senza casco su uno scooter. "Abbiamo quindi deciso di controllarli", sottolinea il tenente-colonnello prima di proseguire "I motociclisti si innestano quindi dietro lo scooter e annunciano al dispositivo posto 300 metri più a valle, l'imminente arrivo di uno scooter con a bordo due persone senza casco. Vedendo in lontananza le forze dell'ordine, il pilota del due ruote decide di svoltare a destra ed entra in rue Richardson. Uno dei motociclisti lo vede entrare in questa via e qualche decina di metri più indietro entra a sua volta. Il motociclista vede che l'individuo ha depositato il suo passeggero sul ciglio della strada prima di ripartire ad alta velocità, correndo rischi sconsiderati per superare i dossi. Temendo una caduta da parte dello scooterista, il motociclista decide subito di rallentare e far ripartire l'individuo. Mentre prendeva questa decisione, un veicolo civile emerse dalla strada perpendicolare a Richardson Street. Il giovane cerca di evitarlo ma colpisce il retro dell'auto. Lo shock è inevitabile. Il gendarme vede letteralmente volare via l'individuo e arriva al suo fianco per prestargli i primi soccorsi in attesa dell'arrivo dei vigili del fuoco.

Tutti i gendarmi presenti sul dispositivo arrivano come rinforzi per aiutare anche la vittima. L'individuo sotto l'influenza del dolore gesticola ei soldati cercano di metterlo in una posizione laterale sicura come ci viene insegnato. La vittima è stata poi presa in carico dai vigili del fuoco e trasportata al centro ospedaliero Louis-Constant Fleming. “Le sue condizioni sono stabili, è cosciente e la sua vita non è in pericolo”, tiene a precisare da parte sua il prefetto delegato delle Isole del Nord. “In nessun caso la persona è stata in coma o è stata in coma. Sono informazioni false circolate sui social network e che hanno portato a questi atti di violenza inaccettabile contro i gendarmi nella notte tra martedì 11 luglio e mercoledì 12 luglio.

La calma totale è finalmente tornata intorno alle 5 di mercoledì dopo l'intervento del presidente della Collettività, Louis Mussington, che si è recato sul posto per instaurare un dialogo con i giovani e  lenire un'atmosfera più che tesa per diverse ore. _AF

 3,469 visualizzazioni totali

Fonte :

Informazioni fax: https://www.faxinfo.fr/

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: