Ambiente: inizio della campagna di sensibilizzazione contro la plastica monouso

0

Da marzo 2019 il Parlamento Europeo ha votato una legge contro la plastica monouso. In tutti i paesi dell'Unione Europea, gli oggetti in plastica monouso (posate, piatti, cannucce, tamponi di cotone, palette per caffè, contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso) saranno definitivamente banditi a partire da gennaio 2021. E così a Saint-Martin!

Come ha ricordato l'assessore Pascale Laborde, “nonostante la legge del 2016, alcune aziende continuano a distribuire sacchetti di plastica usa e getta anche se è severamente vietato. Gli imballaggi in plastica per frutta e verdura, banditi dagli scaffali dal 1 gennaio 2017, sono ancora utilizzati in alcune attività, così come gli oggetti in plastica (piatti usa e getta, cotton fioc, cannucce di plastica, ecc.) Che non lo fanno non dovrebbe più essere messo in vendita dal 1 ° gennaio 2020. Con la crisi Covid19 stiamo anche assistendo a nuovi inquinamenti: quello di maschere usa e getta, salviettine, guanti, contenitori di gel idroalcolico. ".

Pascale Laborde ritiene che sia giunto il momento di affrontare questo problema a testa alta e attuare oggi la legge del 10 febbraio 2020 a Saint-Martin.

È ora di cambiare il modo in cui consumiamo e passare dalla plastica monouso alla plastica riciclata e ai materiali biodegradabili. Alcune aziende locali hanno già fatto il grande passo, fornendo sacchetti di carta, contenitori riutilizzabili, cannucce e contenitori biodegradabili. Il loro comportamento civico deve essere di esempio per gli altri!

  Una questione di buona cittadinanza e rispetto per l'ambiente

Se senti troppo spesso che l'isola è sporca, dovresti porsi le domande giuste: “Chi è sporco? La popolazione, il vicino, se stessi? "

Certo, la comunità sta sperimentando un certo ritardo nel rilancio degli appalti pubblici per i centri di raccolta rifiuti e la raccolta differenziata, ma tutti gli altri servizi funzionano: raccolta dei rifiuti domestici 7 giorni su 7, raccolta di oggetti ingombranti 6 giorni su 7 e ingresso gratuito. Ecosite Cul-de-Sac per depositare oggetti più voluminosi. Le soluzioni esistono ed è quindi soprattutto questione di buona cittadinanza e rispetto per l'ambiente. Al di là del senso civico che alcuni hanno perso e altri non hanno ancora acquisito, produciamo troppi rifiuti! Ognuno può quindi agire al proprio livello per ridurre la propria produzione.

  Un intervento sul campo per educare gli utenti

La Collettività metterà in atto azioni sul campo per sensibilizzare i commercianti e aiutarli a trovare alternative economicamente valide per sostituire i contenitori di plastica con contenitori riciclabili o biodegradabili. In secondo luogo, saranno messi in atto mezzi più coercitivi per costringere coloro che si rifiutano di rispettare la legge.

Come le altre isole caraibiche, anche Saint-Martin è in grado di dire definitivamente stop alla plastica monouso!

Speriamo che questa campagna di sensibilizzazione sia seguita da effetti tra la popolazione di Saint-Martin. _AF

Caricamento in corso

Non ci sono commenti