È stata accusata di aver causato un incidente mortale evitando una trincea non sigillata

0

Giovedì mattina, le cattive condizioni delle strade di Saint-Martin sono state nuovamente al centro dei dibattiti in un processo relativo a un incidente stradale mortale. CL, una donna di 59 anni, è stata citata davanti al tribunale locale di Saint-Martin per omicidio colposo da parte di un conducente di un veicolo terrestre; in altre parole, è accusato di aver causato la morte di una persona in un incidente da lui presumibilmente causato.

I fatti risalgono al 29 aprile 2019. Intorno alle 21:XNUMX, CL stava guidando la sua auto sulla strada principale di Grand Case quando, all'improvviso, uno scooter ha colpito il lato sinistro del suo veicolo. Il pilota perde il controllo della sua macchina e si schianta contro il muro di una residenza alberghiera. Morì pochi minuti dopo. L'autopsia rivelerà che ha ceduto a una massiccia emorragia.

La madre del giovane viene ascoltata dai gendarmi. Durante la sua audizione ha dichiarato di “voler voler” sporgere denuncia contro la comunità che considerava responsabile dell'incidente che ha causato la morte del figlio. Incolpa la COM per le cattive condizioni della strada in questa sezione.

Dall'indagine è emerso che l'autista dell'auto voleva evitare una trincea non riempita sul lato destro della strada, che poi ha sterzato leggermente a sinistra e non ha visto arrivare il motociclista. era nel suo punto cieco. Avrebbe così commesso una colpa di disattenzione, motivo per cui è, alla fine, perseguita per omicidio colposo. Ma durante le indagini sul caso in udienza, la sua responsabilità viene gradualmente eliminata.

L'incidente è stato interamente ripreso dalle telecamere a circuito chiuso della residenza alberghiera davanti alla quale è avvenuto l'incidente. Le immagini mostrano che l'auto si muove a bassa velocità a differenza del pilota con il casco del due ruote, la sua alta velocità sarà confermata da testimoni. Stava sorpassando le auto quando ha colpito lo specchietto retrovisore di CL, che si era spostato leggermente a sinistra per evitare la trincea. "Dato che stava guidando molto veloce, era sbilanciato", osserva il procuratore aggiunto. "D'altra parte, non vedo nelle immagini che il veicolo di CL abbia attraversato la linea centrale della strada mentre cercava di evitare la trincea", ha osservato la corte.

Nella sua requisitoria, il viceprocuratore ha chiesto il rilascio di CL perché la sua responsabilità non è stata dimostrata. Dopo la deliberazione, il tribunale ha rilasciato Cl che era ancora in uno stato molto emotivo durante l'udienza.

Infine, l'accusa ha indicato di non essere a conoscenza della denuncia della madre del pilota (in quanto deceduta) nei confronti della Collettività e della società che ha eseguito i lavori. (soualiagapost.com)

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti