ISTRUZIONE: Sciopero degli agenti COM all'asilo Ghislaine Rogers

0

Questo lunedì 15 aprile 2024, l'asilo nido Ghislaine Rogers di Grand-Case ha rallentato il suo funzionamento in seguito allo sciopero di quindici agenti comunitari che da mesi denunciano le loro pessime condizioni di lavoro.

Per portare la voce degli agenti, erano presenti alla manifestazione due sindacati, la sezione UTS UGTG Saint-Martin e UNIT-978, rappresentati rispettivamente dai segretari Nicole Javois e Albert Blake. Per quest'ultimo è “più di un anno che gli agenti chiedevano miglioramenti delle condizioni di lavoro”. In una lettera indirizzata alla Direzione dell'Istruzione della Comunità di Saint-Martin il 29 gennaio 2024, il personale dell'asilo nido Ghislaine Rogers ha parlato ancora una volta delle disfunzioni dell'istituto scolastico, delle cattive condizioni di lavoro e della pericoli subiti dagli agenti e dai bambini: caldo opprimente nelle aule senza condizionatori, ventilatori poco performanti, mancanza di un luogo di riposo o di una mensa designata (frigoriferi, microonde e forni riservati al personale sono installati nel dormitorio dei bambini che non è più accessibile durante i sonnellini) , nessuno per compilare i moduli dei colloqui professionali o per trasmettere i documenti inviati dal COM, troppo pochi accompagnatori di studenti con disabilità (AESH), nessuna stanza per la portineria, nessuna lavatrice funzionante per la biancheria e gli accessori dei bambini, nessuna toilette per il personale e troppo pochi servizi igienici per i bambini. L'elenco si allunga con gli odori di liquami che salgono fino alla mensa dove i fumi tossici sono un pericolo per i bambini, vapori accentuati in caso di pioggia. La sala diving senza aria condizionata presenta condizioni particolarmente difficili con i vapori sprigionati dall'attrezzatura. Di fronte a questi vari accertamenti e alla mancata reazione della COM che ha avuto tempo fino ad aprile, dopo le vacanze di Pasqua, per reagire, i quindici agenti hanno quindi deciso di scioperare per manifestare il loro malcontento. Il direttore della scuola, Jean Todeschini, che nell'ottobre 23 ha inviato lui stesso una lettera con 2023 rimostranze al dipartimento dell'istruzione, tra cui l'installazione di un container per la direzione e gli insegnanti e la costruzione di un muro antipioggia sulla RN7, ha quindi dovuto mandare a casa i più piccoli. Nel desiderio di riaprire il dialogo, Médhi Boucard, direttore dell'istruzione ed extracurriculari della Comunità di Saint-Martin, e Paul Dollin, vicedirettore generale della Comunità, si sono recati sul posto questo lunedì mattina per incontrare agenti e rappresentanti sindacali. Il 29 agosto 2023 è stata effettuata una visita ai servizi educativi per elencare le questioni, ma da allora nessuno di questi punti è stato affrontato o risolto. Secondo Médhi Boucard, c'è stato un resoconto della situazione con i servizi educativi e molte lamentele sono di competenza di un'altra delegazione della Comunità. Continua… _Vx

 695 visualizzazioni totali

Fonte :

Informazioni fax: https://www.faxinfo.fr/

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: