Messaggi incollati per denunciare la violenza contro le donne

0

Dopo Tolosa, Nantes, Nîmes, Strasburgo, Rouen, Lione, Digione, Lilla, ecc., Il movimento "Feminist Collages" si sta sviluppando a Saint-Martin. Per diversi giorni, i messaggi sono stati pubblicati quasi ovunque nella parte francese, denunciando i vari assalti alle donne. "Amare non è uccidere, Stupro stufo, il mio vestito non è un sì ..." possiamo leggere qua e là.

Questo movimento è nato nell'agosto del 2019 a Parigi su iniziativa di Marguerite Stern, ex donna femminista radicale di Femen. Consiste nel denunciare questi attacchi e quindi sensibilizzare l'opinione pubblica.

Anche Saint-Martin è colpito da questa violenza. Sempre più donne maltrattate parlano, osano denunciare il coniuge o il compagno presentando una denuncia alla gendarmeria. Nella maggior parte dei casi, sono supportati dall'associazione di assistenza alle vittime del Trait d'Union.

Gli autori di questa violenza contro le donne sono perseguiti e condannati. Sempre più stanno comparendo, non perché sempre più violenti, ma perché sempre più dei loro partner li denunciano.

Di fronte al tribunale non vengono chiamati solo uomini implicati dai loro coniugi; ci sono anche uomini che abusano sessualmente di ragazze giovani.

Considerati a porte chiuse su richiesta delle vittime, questi casi ricevono poca pubblicità. Sono più sensibili. Le ragazze adolescenti sono nella maggior parte dei casi le figlie dei compagni degli autori.

I diversi messaggi incollati qua e là a Saint-Martin invitano il pubblico a unirsi al movimento su Instagram (@Collages_feministes_sxm). (Soualigapost.com)

 7,105 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: