Coronavirus: il sassofonista Manu Dibango muore a causa di Covid-19

0

Il "Grandpa Groove" aveva 86 anni. È morto martedì 24 marzo dal Covid-19.

Manu Dibango è morto. La famiglia del cantante e sassofonista ha annunciato, martedì 24 marzo, la sua morte per le conseguenze di Covid-19, malattia di coronavirus“Cari genitori, cari amici, cari fan, una voce si alza in lontananza ... È con profonda tristezza che annunciamo la scomparsa di Manu Dibango, il nostro 'Nonno Groove', avvenuta il 24 marzo 2020 all'età di 86 anni di Covid-19 ", lei disse.

Arrivato a Marsiglia nel 1949 quando era un adolescente, nominato Cavaliere della Legion d'Onore nel 2010, l'artista camerunese era ancora in ottima forma e lo scorso anno in tournée per i suoi 60 anni di carriera con il suo Safari sinfonico mescolando jazz e musica classica, un programma che ci ha raccontato a luglio 2019 con il suo inalterabile buonumore e dinamismo. Manu Dibango era un gigante per le sue dimensioni e il suo talento, ma anche per la sua gentilezza e il suo entusiasmo comunicativo.

Il 18 marzo la contaminazione dell'artista è stata annunciata sulla sua pagina Facebook. Ma questo comunicato stampa ci ha fatto sperare che il solido colosso, che era sopravvissuto a più di 86 anni di vita terrestre mantenendo questa pesca inossidabile, avrebbe superato questo terribile colpo. Non sarebbe stato così. A causa delle regole di reclusione, "Il funerale si svolgerà nella rigorosa privacy della famiglia, e un tributo gli verrà reso più tardi il prima possibile", specifica la famiglia nel suo comunicato stampa.

Gigante della musica africana, Manu Dibango è la prima personalità a soccombere a Covid-19 in Francia.

 

Nato il 12 dicembre 1933 a Douala, in Camerun, il cui vero nome è Emmanuel N'Djoké Dibango, nel corso di una lunga e densa carriera, Manu Dibango ha trascinato la sua figura alta e il suo ampio sorriso riconoscibile tra mille nei cinque continenti . Fu in Europa che posò le valigie, stabilendosi in Francia dal 1949.

Senza frontiere

Attivista nell'abolizione dei confini tra generi musicali, si è avvicinato a più stili, ha collaborato con grandi musicisti africani come Youssou N'Dour e Angélique Kidjo, rock star come Peter Gabriel e Sting, cantanti francesi come Serge Gainsbourg, Nino Ferrer o Dick Rivers, musicisti classici e, ovviamente, jazzisti come Herbie Hancock, Bill Laswell o, in Francia, il bassista Jérôme Regard e il tubista Didier Havet. Nel 2007 ha reso un tributo discografico al sassofonista americano Sidney Bechet che, come lui, si era stabilito in Francia. È stato con il suo amico Francis Bebey, musicista e scrittore camerunese, che Manu Dibango ha scoperto il jazz negli anni '50.

Ispira Michael Jackson, poi Rihanna ...

Uno dei suoi grandi successi, l'irresistibile Anima Makossa, ispirato a un ritmo dell'omonimo movimento, pubblicato nel 1972, ha sedotto un certo Michael Jackson che lo ha chiaramente citato proprio alla fine del suo elettrizzante Voglio iniziare qualcosa, senza accreditarlo Romanzo giallo (1982) il suo album al trionfo planetario. Seguiranno una causa e un accordo finanziario. Rebelote alcuni anni dopo con la cantante Rihanna nel titolo Non fermare la musica (2007) che è stato campionato Voglio iniziare qualcosa, Di conseguenza, Anima Makossa...

Caricamento in corso

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

Bullismo scolastico: meglio individuare i segni

Si dice che il 12% degli scolari e il 10% degli studenti delle scuole medie siano molestati a scuola. Lo scorso febbraio, il Ministro della Pubblica Istruzione Najat Vallaud-Belkacem ha annunciato ...