Cinque anni dopo, stiamo parlando dell'istituzione di una missione locale a Saint-Martin

0

La prima pietra del sito è stata posata nel 2016 dal ministro del Lavoro. Ma il secondo non è mai stato chiesto.

La prima pietra è stata posta venerdì 28 ottobre 2016 su un terreno a Concordia, vicino alla mediateca. Per l'occasione è stata organizzata una cerimonia ufficiale nell'ambito del viaggio a Saint-Martin del ministro del Lavoro, all'epoca Myriam El Khomri. “Questa sarà l'ultima missione locale in Francia. (…) Saint-Martin era l'unico territorio a non avere una missione locale ”, dichiarò all'epoca Myriam El Khomri, ministro del Lavoro per giustificare l'investimento finanziario dello Stato in questo progetto, vale a dire un milione di euro sulla stima di 1,7 M €.

L'interesse per questo progetto, convalidato un anno prima dai membri del consiglio di amministrazione, è stato confermato anche da tutti gli stakeholder. Durante il periodo del comune, il territorio aveva un ramo della missione locale della Guadalupa ma con il cambio di stato, la missione della Guadalupa si è ritirata da Saint-Martin e parte delle sue azioni sono state svolte dal servizio AIO (Accoglienza, Inserimento Orientamento). Da qui la volontà comune dello Stato e della COM di superare questa carenza. “I servizi forniti ai giovani a Saint-Martin sono diminuiti anche se i bisogni aumentano di anno in anno: circa il 40% della popolazione ha meno di 20 anni, 5 giovani hanno tra i 000 ei 16 anni, 25 sono iscritti al Pôle Emploi ma il servizio AIO (accoglienza, informazione, orientamento) che prefigura la futura MILO [missione locale] accoglie circa 600 giovani all'anno. Saint-Martin ha urgente bisogno di un posto del genere, uno sportello unico per i giovani che li accolga, li guidi, li sostenga verso l'occupazione ”, era scritto nel Contratto di Sviluppo 900-2014 firmato nel luglio 2020 dallo Stato e dalla COM . La posta in gioco era quindi alta.

Tuttavia, la seconda pietra non è mai stata posata. Tecnicamente, in ogni caso, non poteva essere sulla scia di questa cerimonia ufficiale poiché l'appalto pubblico per la costruzione dell'edificio è stato varato solo nell'agosto 2017. Sembrerebbe quindi che l'aratro sia stato anteposto alle vacche. E questo per missione locale si intendeva soprattutto all'epoca l'edificio che doveva essere utilizzato per ospitare i servizi di una missione locale. Tuttavia, più di quattro anni dopo, Saint-Martin non ha ancora una missione locale.

All'inizio del 2021, il caso è tornato sul tavolo. Il 18 gennaio la senatrice Annick Petrus “annuncia con grande gioia” sul suo profilo Facebook “il ritorno di una Missione locale a servizio completo nel nostro territorio”. Ha appena partecipato, con il vicedirettore generale (DGA) del polo sviluppo umano della COM, a un incontro presso l'ufficio del ministro responsabile per l'integrazione, "per difendere il progetto di una missione locale a Saint-Martin".

Nel corso di una conferenza stampa ieri mattina alla presenza del Direttore Generale dei Servizi (DGS), Jocelyn Eloin ha confermato questo annuncio e la volontà della COM di portare a compimento questo progetto, di realizzare questi servizi. Secondo lui, è tanto più importante che molte misure governative destinate ai giovani - in particolare quelle incluse nel piano di ripresa economica - siano attuate dalle missioni locali. Per quanto riguarda la stanza che ospiterà la missione locale, la COM non sembra preoccupata di trovarne una già costruita.

 6,702 visualizzazioni totali

Articolo sponsorizzato da:


A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: