Bilancio d'oltremare: "Dipendenza e relativo sollievo" per Gibbs

0

Nell'Assemblea nazionale, nell'ambito dell'esame della seconda parte della legge finanziaria del 2016, martedì i deputati hanno esaminato il bilancio estero. Daniel Gibbs, deputato per le Isole del Nord, ha dichiarato di essere diviso tra "disprezzo e sollievo".

"Sollievo, perché con un aumento inferiore all'XNUMX%, il bilancio estero è stabile rispetto ai bilanci degli anni precedenti o al fatto che alcuni crediti (in particolare quelli dell'ADM) siano mantenuti", ha affermato Daniel Gibbs. Sensazione di disprezzo, perché il bilancio "manca di ambizione", secondo lui. Per quanto riguarda l'esenzione fiscale, il deputato ha deplorato "la vaghezza attorno alla fine annunciata dell'assistenza fiscale a favore degli investimenti all'estero".

Esenzione fiscale estesa fino al 2020

Con un comunicato stampa, il ministro degli esteri George Pau-Langevin ha annunciato ieri "un'evoluzione del sistema di esenzione fiscale al fine di chiarire e stabilizzare il quadro di aiuti per gli investimenti all'estero almeno fino al 31 dicembre 2020". Il credito d'imposta verrà esteso a determinate condizioni. Nelle comunità in cui il credito d'imposta non è applicabile, come a Saint-Martin, "saranno mantenuti i classici meccanismi di esenzione fiscale, per l'edilizia sociale e per gli investimenti produttivi".

 5,355 visualizzazioni totali

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: