BIODIVERSITÀ: Alla ricerca di padrini e madrine di megattere

0

Tra gennaio e maggio-giugno, molte megattere vengono osservate vicino alle nostre coste prima che partano per il Nord Atlantico. Il bacino tra Saba, Saint-Martin e Anguilla è il secondo bacino più grande dei Caraibi dopo il santuario di Banc d'Argent nella Repubblica Dominicana, dove si riproducono le megattere.

Dal 2014 diverse associazioni tra cui la Riserva Naturale, Megaptera, my school my whale e il santuario di Agoa, studiano il comportamento di questi mammiferi. Ad esempio, nel 2014 e nel 2019 sono stati posizionati dieci tag sugli animali per rintracciarli. "Tutte queste informazioni così raccolte hanno permesso di osservare che le balene ritornano regolarmente nelle nostre acque, vanno a nord verso il Canada, e che alcune attraversano l'Atlantico e si dirigono verso l'Islanda", precisa Michel Vély dell'associazione Megaptera. . "Lo studio permette di capire il loro comportamento e quindi proteggerli meglio adottando misure adeguate", aggiunge Julien Chalifour della Riserva Naturale di Saint-Martin.

In questa prospettiva di approfondimento di questa conoscenza, presto si chiederanno le associazioni  nuovi tag. Se questi strumenti sono importanti per gli scienziati, sono costosi, circa 3 euro ciascuno. Anche le associazioni locali cercano cinque sponsor, padrini o madrine.

La balena che porterà un faro sarà “battezzata” o identificata dal nome del suo sponsor. Saranno condotte campagne di informazione per mostrare il comportamento del mammifero, il suo viaggio negli oceani e sensibilizzare l'opinione pubblica sulla loro protezione.

Una presentazione del progetto sarà fatta durante il festival delle balene organizzato da Metimer il 3 aprile a Orient Bay.

 6,920 visualizzazioni totali

Fonte :

Soualiga Post: http://www.soualigapost.com/fr

Articolo sponsorizzato da:


A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

%d ai blogger piace questa pagina: